A- A+
Esteri
Guerra, Farage: "Perché l'Occidente non dialoga più con Putin? Assurdo"
Nigel Farage invasione ucraina

Guerra, il leader della Brexit Nigel Farage ad Affaritaliani.it


"Il supporto anche militare all'Ucraina è una cosa giusta, ma è stupefacente la mancanza totale da parte dei Paesi occidentali del tentativo di negoziazione e dialogo con il presidente russo Vladimir Putin per cercare un accordo di pace". A parlare con Affaritaliani.it è Nigel Farage, ex leader dello Ukip e soprattutto il politico britannico protagonista principale della Brexit, l'uomo che di fatto ha portato Londra fuori dall'Unione europea.

"Va bene aiutare Kiev e il presidente Zelensky a combattere questa guerra, e il mio Paese è in prima fila, ma perché nessuno stato occidentale si sta impegnando e sforzando per una mediazione e una trattativa di pace con Mosca? Davvero non capisco, assurdo. Sono molto stupito", spiega Farage.

Alla domanda sui timori di una terza guerra mondiale (nucleare), evocata dal ministro degli Esteri di Mosca Sergej Lavrov, Farage risponde: "Al momento non vedo questo rischio, prego e spero che non si arrivi a tanto". Commentando poi la riconferma di Emmanuel Macron all'Eliseo, dopo il secondo turno delle elezioni francesi di domenica scorsa, il leader della Brexit afferma: "L'Europa si conferma comunque divisa su tutto, anche sulla guerra in Ucraina, con la posizione in particolare della Germania, assolutamente ambigua. Berlino dice una cosa e ne fa un'altra. Attenzione, poi, che a ogni elezioni Marine Le Pen guadagna voti. Un segnale importante che l'establishment soprattutto di Bruxelles vuole sottovalutare o finge di non vedere". Farage infine non si sbilancia sulle prossime elezioni politiche italiane, "davvero non so fare un pronostico. La sfida sarà molto aperta tra Centrodestra e Centrosinistra. Al momento tutto è possibile", conclude.

Ucraina: Gb, illegittima minaccia di rappresaglia Mosca

E' "illegittima" la minaccia di Mosca di una risposta militare proporzionale contro i Paesi Nato dopo che il Regno Unito ha dato il suo appoggio agli attacchi ucraini contro il territorio russo con armi fornite da Londra. Lo ha detto il vicepremier britannico Dominic Raab, tornando sull'acceso scambio di ieri tra Downing Street e il Cremlino. Per Raab quanto stanno facendo i Paesi occidentali e' del tutto lecito. "Abbiamo il diritto di fornire supporto militare a qualsiasi Stato che eserciti il diritto di difesa contro un'invasione aggressiva", ha aggiunto riferendosi al sostegno all'Ucraina contro l'attacco russo.

La polemica tra Londra e Mosca si era scatenata ieri dopo le dichiarazioni del viceministro britannico della Difesa, James Heappey, secondo cui e' "interamente legittimo" l'uso da parte ucraina di armi fornite dal Regno per prendere di mira gli obiettivi all'interno del territorio della Russia. A queste era seguita a breve giro la risposta di Maria Zacharova, portavoce del ministero degli Esteri russo: a suo avviso, applicando la stessa logica, Mosca potrebbe ritenere altrettanto legittimo colpire i Paesi Nato che trasferiscono armi all'Ucraina. Il vicepremier Raab nella sua dichiarazione si e' riferito a queste e a un'altra affermazione sullo stesso argomento fatta dal ministero della Difesa russo in cui si era evocata una "risposta proporzionale" rispetto alla "provocazione di Londra" e ha quindi sottolineato: "Se la Russia inizia a minacciare altri Paesi, non fa che aumentare ulteriormente il suo status di paria e non fara' altro che promuovere la solidarieta' e il consenso nella comunita' internazionale sul fatto che deve essere fermata".

Leggi anche: 

"Cdx unito alle Politiche? Non scontato". Fratelli d'Italia avverte Lega e Fi

Cdx, "Berlusconi e Salvini provano a stare insieme per superare Meloni"

Mps, aumento da almeno 2,5 mld. Così a Siena si aprono nuovi scenari

Terza guerra mondiale? GB: si può colpire suolo russo. Mosca minaccia la Nato

Johnny Depp voleva bruciare viva Amber Heard. “Non è vero: io sono la vittima"

Guerra in Ucraina, caccia russo abbattuto: le immagini spettacolari. VIDEO

Terna, con Tyrrhenian Lab investe sulle competenze del futuro

Caro materiali, Dott.ssa De Sanctis: “Cantieri a rischio fermo totale"

Fondo Impresa Femminile, Giorgetti: "Portiamo avanti le pari opportunità"

Commenti
    Tags:
    nigel farage guerra ucraina





    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...

    
    in vetrina
    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


    motori
    Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

    Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.