A- A+
Esteri
La vendetta russa contro l'Occidente. "Confischiamo aziende dei Paesi ostili"

"Oggi gli imprenditori russi stanno acquistando societa' straniere che operano in Russia, acquistando le azioni di partner che vogliono lasciare il nostro mercato. Agendo in modo civile. In base una legge nel diritto internazionale"

E' "corretto" rispondere alla legge approvata dalla Camera dei Rappresentanti Usa, che consente il trasferimento all'Ucraina dei beni sequestrati alle imprese russe, con la confisca e la vendita delle attivita' sul territorio russo delle aziende provenienti da "Paesi non amici" come le nazioni baltiche, la Polonia e gli stessi Stati Uniti. Lo afferma il presidente della Duma, Vyacheslav Volodin.

"La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato una legge che consente il trasferimento in Ucraina di beni congelati di societa' e cittadini russi. Si e' creato un pericoloso precedente, che dovrebbe avere un effetto boomerang negli stessi States", scrive Volodin sul suo canale Telegram, "questa decisione non influira' sull'economia del nostro paese. Yacht, ville e altre proprieta' sequestrate di cittadini facoltosi non hanno comunque contribuito al suo sviluppo". "Anche le riserve russe di oro e valuta estera per un valore di circa 300 miliardi di dollari sono state congelate. Torneranno, non andranno da nessuna parte. Questi sono fondi statali", prosegue il presidente della Camera bassa russa, "la Banca Centrale, in risposta, ha vietato agli investitori stranieri di prelevare fondi dal nostro sistema finanziario. Secondo alcune stime si parla di oltre 500 miliardi di dollari. Abbiamo qualcosa a cui rispondere".

"Oggi gli imprenditori russi stanno acquistando societa' straniere che operano in Russia, acquistando le azioni di partner che vogliono lasciare il nostro mercato. Agendo in modo civile. In base una legge nel diritto internazionale", scrive ancora Volodin, "cosa che non si puo' dire di un certo numero di paesi ostili: Lituania, Lettonia, Polonia e persino gli Stati Uniti, che sono semplicemente coinvolti in un furto". "A questo proposito, e' corretto, in relazione a un'impresa situata nel territorio della Federazione Russa i cui proprietari provengono da paesi ostili in cui vengono prese simili decisioni, rispondere con misure speculari: confiscare questi beni", conclude il presidente della Duma, "e il ricavato della vendita sara' destinato allo sviluppo del nostro Paese".

Leggi anche: 

Salvini a Meloni: "Solo se unito, il Centrodestra vince"

Guerra, "l'Italia (se ci sarà la richiesta) manderà altre armi all'Ucraina"

Guerra Ucraina, Italia sempre più allineata agli Usa. Da Draghi arriva Kishida

Guerra in Ucraina, nessun accordo di pace è più ragionevolmente possibile

Benetton al 4,75% di Generali: la “salita” a sorpresa con i soldi di Aspi

Shanghai, la protesta contro il lockdown con pentole e padelle. VIDEO

AXA Italia conquista il primo posto agli Italy Insurance Awards 2022

ASPI, al via il nuovo servizio "Cashback con targa"

Nasce Italian Tech Academy, la scuola per acquisire competenze digitali

Commenti
    Tags:
    russia confisca aziende paesi non amici





    in evidenza
    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    Politica

    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.