A- A+
Green
Cambiamento climatico, allarme: in mare sempre meno pesci commestibili
(Fonte immagine: Pixabay) 

Cambiamento climatico, lo studio combinato dell'Università di Rutgers e dell'Università della Columbia britannica

Scatta un ulteriore allarme in tema di cambiamenti climatici: questa volta al centro dell'attenzione della ricerca scientifica ci sono gli ecosistemi marini. Secondo infatti uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B e condotto dagli scienziati dell'Università di Rutgers e dell'Università della Columbia britannica, il cambio del clima potrebbe alterare gli ecosistemi marini in modo inaspettato, tanto da modificare le interazioni tra prede e predatori oceanici, costretti a individuare nuove aree abitative. 

Il riscaldamento delle acque, spiegano gli autori, potrebbe ridurre la disponibilità di specie ittiche da catturare. Le specie di grandi dimensioni potrebbero quindi sperimentare delle difficoltà nelle attività di foraggiamento. Allo stesso tempo, prospettano gli scienziati, i pescherecci potrebbero doversi spingere in zone mai battute e in aree geografiche nuove per soddisfare le richieste e le domande di prodotti ittici.

"Il nostro lavoro, osserva Malin Pinsky, dell'Università di Rutgers, suggerisce che il numero di esemplari potrebbe risultare significativamente inferiore nei prossimi anni. Il riscaldamento ambientale e le dinamiche della rete alimentare potrebbero compromettere in modo profondo la biodiversità marina".

A differenza di molti studi precedenti, orientati a valutare gli impatti diretti dei cambiamenti climatici sulle singole specie, il team ha esaminato le interazioni trofiche che riguardano il processo di nutrimento di una specie a scapito di altre. In questo modo, precisano gli esperti, è possibile valutare il modo in cui il cambiamento climatico influenza gli areali e gli habitat in senso più ampio.

Grazie a una serie di modelli computerizzati, gli studiosi hanno determinato che le interazioni predatore-preda portano allo spostamento degli areali in modo più lento rispetto alle variazioni dovute alle differenze nella temperatura dell'acqua.

"Il modello, afferma EW Tekwa, dell'Università della Columbia Britannica, suggerisce che nei prossimi 200 anni le specie si rimescoleranno continuamente e saranno in procinto di spostare i loro areali. Tra due secoli, gli animali marini resteranno indietro rispetto agli sbalzi di temperatura. Si tratta di dinamiche che si verificheranno a livello globale. Non è una buona notizia per la vita marina". 

Leggi anche: 

"Ucraina, Trump imita Biden: "Genocidio". La politica Usa non vuole la pace

Fisco, da Lega e Fi parole roboanti sul no alle tasse, ma Draghi tiene duro

Covid, parla l'esperto Tritto: "Virus mutevole, i vaccini di oggi non servono"

Generali: Caltagirone e Cirinà danno battaglia sulle colonne del Messaggero

Maddalena Corvaglia, Pasqua mozzafiato alle Baleari. FOTO

Sileri: "A maggio probabile fine obbligo mascherine al chiuso". VIDEO

Forum di Delfi, l'innovazione è una risorsa contro le disuguaglianze

Terna, adottato protocollo Envision per la sostenibilità delle opere

Consorzio Elis, inaugurato al CEO Meeting il nuovo Semestre di Presidenza

Commenti
    Tags:
    cambiamento climaticomarepesci





    in evidenza
    Affari gastronomici/ Il direttore Perrino dialoga con gli chef Antonella Ricci e Vinod Sookar. La presentazione del libro di ricette "Dalla Puglia con amore"

    Guarda il video

    Affari gastronomici/ Il direttore Perrino dialoga con gli chef Antonella Ricci e Vinod Sookar. La presentazione del libro di ricette "Dalla Puglia con amore"

    
    in vetrina
    Una nuova speranza per i malati di Sla: la svolta è un farmaco per la leucemia

    Una nuova speranza per i malati di Sla: la svolta è un farmaco per la leucemia


    motori
    Nuova Audi RS Q8: record al Nurburgring

    Nuova Audi RS Q8: record al Nurburgring

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.