A- A+
Medicina
Alzheimer, scoperto un nuovo farmaco. Lo studio del Cnr
Rame

Alzheimer, uno studio del Cnr dimostra il funzionamento di un nuovo farmaco

Rallentare, almeno, la degenerazione della malattia, se non è ancora possibile debellarla. Questo l’obiettivo alla base dello studio degli scienziati dell'Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-In) che ha portato alla scoperta dell’efficacia di un farmaco proprio in questa direzione.

Il lavoro, pubblicato sulla rivista specialistica 'Brain', è frutto della collaborazione tra il gruppo di ricerca di Pisa coordinato da Nicola Origlia e quello di Milano coordinato da Claudia Verderio. Si tratta di "un importante tassello" nella comprensione dei meccanismi che guidano la neuro-degenerazione associata alla malattia di Alzheimer, aprendo a "nuove possibili strategie terapeutiche" contro la patologia. 

Alzheimer, i sintomi causati dall’accumulo di proteine beta-amiloidi nel cervello

La malattia di Alzheimer è caratterizzata da un progressivo deterioramento delle funzioni cognitive: “nelle prime fasi – ricordano dal Cnr - si manifesta con una graduale perdita della memoria dovuta all'accumulo nel tessuto cerebrale della proteina beta-amiloide, che altera il funzionamento delle sinapsi, fino a sfociare in un declino cognitivo dovuto alla degenerazione di ampie zone di corteccia cerebrale”. 

Gli autori dello studio hanno provato a capire come avviene questo processo di neuro-degenerazione. "La ricerca - spiega Origlia - si è concentrata sullo studio della corteccia entorinale, un'area cerebrale che sembra essere particolarmente vulnerabile all'accumulo della proteina beta-amiloide. È qui, infatti, che ha inizio il processo infiammatorio nel quale sono coinvolte le cellule microgliali, cioè particolari cellule immunitarie del cervello. Con il progredire della malattia, la neuro-degenerazione si diffonde grazie alle cellule microgliali presenti nella corteccia entorinale ad altre aree cerebrali, con conseguente perdita delle funzioni da esse sostenute". 

Un ruolo decisivo in questo processo, sottolineano gli scienziati, è svolto dalle vescicole extracellulari contenenti la proteina beta-amiloide prodotte dalle cellule microgliali che muovendosi lungo le connessioni neuronali, propagano le alterazioni attraverso un circuito fondamentale per la memoria, ovvero quello che collega la corteccia entorinale all'ippocampo.

Alzheimer, rallentare l'interazione tra le vescicole extracellulari e i neuroni

Grazie a tecniche di imaging, nel corso dello studio, è stata osservata proprio l’interazione tra le vescicole contenenti la proteina beta-amiloide e la superficie del neurone “dimostrando il loro movimento lungo il processo assonale, cioè il processo che trasferisce l'impulso nervoso a un'altra cellula", spiega Verderio. 

In parole più semplici, il farmaco ha dimostrato la capacità di rallentare il movimento delle vescicole extracellulari, portatrici della proteina beta amiloide causa del processo degenerativo, così da ridurre il loro contatto con il tessuto cerebrale.

"È stato, dunque, dimostrato che, riducendo la motilità delle vescicole, grazie al trattamento farmacologico, si previene – spiega la ricercatrice Cnr-In - la propagazione dei deficit sinaptici tra la corteccia entorinale e l'ippocampo. Questo apre nuove prospettive di intervento terapeutico volte a rallentare, se non a fermare, la progressione della malattia".
 

 

Leggi anche: 

Governo: crisi a giugno e voto dopo l'estate. Piano e reazioni - Esclusivo

Renzi, Sala, Martina, Cantone e Bruti Liberati: il retroscena su Expo 2015

Vaiolo delle scimmie, primo caso a Roma. In osservazione altre due persone

Asilo L'Aquila, mamma indagata. La maestra: “Ho visto i bimbi sotto le ruote"

Affonda un rimorchiatore al largo di Bari, paura in Puglia: cinque i morti

Perchè il Milan merita di vincere lo scudetto: il modello Elliott trionfa

Mentana-Fabbri, parte la risata contagiosa: siparietto su La 7. VIDEO

SIMEST supporta la competitività delle esportazioni italiane

Terna, presentato oggi il premio fotografico "Driving Energy 2022"

Campari e Galleria Campari, prima esibizione fisica di The Spiritheque

--

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    alzheimeranzianifarmacomalattiapatologia




    in evidenza
    Ferragni-Fedez, storia al capolinea Il rapper sarebbe già fuori casa

    Le ultime indiscrezioni

    Ferragni-Fedez, storia al capolinea
    Il rapper sarebbe già fuori casa

    
    in vetrina
    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova


    motori
    Opel Astra Hybrid 2024: arriva il motore ibrido a 48 V e cambio DCT6

    Opel Astra Hybrid 2024: arriva il motore ibrido a 48 V e cambio DCT6

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.