A- A+
Politica
Legge, da Nordio ai rave Piantedosi: a Dx due anime liberale e giustizialista

Governo Meloni a doppia trazione: Nordio è espressione del mondo liberale, Piantedosi incarna la destra giustizialista più vicina alla Lega. Il commento

Nordio entrò in magistratura negli anni ’80 e si mise subito in luce per le sue indagini sulle Brigate Rosse venete. Quando scoppiò Mani Pulite diresse le indagini a Venezia, a volte con accenti polemici nei confronti dei colleghi di Milano a cui rimproverava un eccessivo utilizzo politico dell’inchiesta. In seguito si occupò di cooperative rosse indagando anche Achille Occhetto e Massimo D’Alema. Fino al pensionamento è stato procuratore aggiunto di Venezia specializzandosi in reati contro la pubblica amministrazione. Ha un passato politico nel Partito liberale Italiano ed era considerato un magistrato conservatore.

LEGGI ANCHE: Giustizia, Nordio: "Intercettazioni usate per delegittimare, interverremo"

Le sue recenti dichiarazioni come ministro della Giustizia, stanno facendo discutere e non erano affatto scontate. Si è espresso a favore del ripristino della immunità parlamentare e del superamento del reato di abuso d’ufficio, che condiziona –a suo dire- agli amministratori pubblici dal firmare documenti per le possibili responsabilità future. Le sue posizioni a favore della separazione delle carriere tra magistratura inquirente e magistratura giudicante hanno ripreso un vecchio tema caro ai Radicali e a Marco Pannella, ma anche a Forza Italia e appunto ai liberali.

Da ultimo la sua critica all’eccessivo utilizzo delle intercettazioni ha alimentato il dibattito con una forte reazione dell’Amn e la dichiarazione dello stesso Nordio che si dice pronto a “battermi fino alle dimissioni”. Ma a fronte di ciò c’è una apparente contraddizione. Infatti uno dei primi atti del governo Meloni fu proprio quello sull’inasprimento delle pene sui cosiddetti rave party, sulla spinta del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi che ne fu parte attivissima.

LEGGI ANCHE: Rave party a Modena, ordinato lo sgombero: la linea dura di Piantedosi

Misura che procurò allarme a sinistra e in genere nell’opinione pubblica attenta ai diritti civili a causa della troppa discrezione insita nel decreto legge. Questa mossa iniziale portò all’idea che ci sarebbe stato un governo giustizialista ma non si era fatto il conto con la componente, appunto, liberale.

Tradizionalmente infatti il centro – destra si mostra su questi temi come un Giano bifronte: da una parte c’è l’ala liberale che fa riferimento a Silvio Berlusconi e a Forza Italia che è da sempre assai critica con la magistratura e dall’altra c’è l’ala tradizionalista della destra che è tutta “legge ed ordine”. Questi due aspetti sono non solo opposti ma anche sostanzialmente inconciliabili ed è per questo che ci sono due ministri dell’Interno o se vogliamo due ministri della Giustizia che rispondono ai nomi di Carlo Nordio e Matteo Piantedosi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giustizianordio





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


motori
DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.