A- A+
Politica
Mattarella alto profilo? È peggio anche di Vittorio Emanuele con Mussolini
Sergio Mattarella (Lapresse)

Con Draghi e Conte, Mattarella ha dimostrato mancanza di fantasia e di coraggio (elezioni anticipate) che l'ha portato a imitare il suo predecessore: Napolitano

Ottimo editoriale, quello di Massimo Falcioni (lo trovi qui). Da condividere in toto, andando al sodo dei problemi. Tutto, tranne un particolare, ininfluente sul giudizio: l'aggettivo "alto" riferito al profilo di Mattarella. Fu nominato alla Presidenza della nostra sfortunata Repubblica, per il "merito" d'essere fratello di una vittima di uno degli omicidi politici della mafia (Piersanti era Presidente della regione Sicilia). La terribile tragedia vissuta, non autorizzava a sperare che fosse all'altezza del difficilissimo compito assegnatogli e che si sta dimostrando sempre più impegnativo.

Non starò a ripetere quanto sostenuto diverse volte (tipo "Benigni-Matterella: Presidente resti con noi, invece dovrebbe dimettersi", "Mattarella e il discorso di fine d'anno" o, ancora, "Quirinale: il mistero degli scatoloni", che si conclude con l'inusuale e sincero "Maltornato, Presidente!").

Come ulteriore motivazione al malumore per il bis, condiviso da tantissimi altri come stanno a dimostrare alcuni sondaggi effettuati (uno anche da Affaritaliani), dopo aver ricordato che la saggezza latina già diceva "errare humanum est, sed perseverare, diabolicum" e che, nel caso degli ammiratori del Matta, entusiasti della riconferma, diventa "repetita iuvant", ma che la saggezza popolare ha corretto con l'aggiunta maccheronica "sed stufant", ricordiamo che Vittorio Emanuele III, diede l'incarico di formare il governo al futuro e momentaneo Uomo della Provvidenza, spinto soprattutto dalle notizie sulle camicie nere e la loro marcia su Roma che Facta voleva combattere avendo dichiarato lo stadio d'assedio di Roma.

C'era quindi la certezza di una guerra civile. Con il famoso senno del poi, s'è discusso e si discute se Mussolini, già membro del Parlamento da un anno, stesse bluffando per cui, anche in caso di assalto a Roma in stato d'assedio, la guerra civile si sarebbe risolta con quattro scaramucce. Ma il già violento movimento fascista, non avrebbe sicuramente fermato la sua azione e il problema sarebbe stato solo rimandato. Sta di fatto che Vittorio Emanuele III diede l'incarico, non a un uomo fuori dal mondo politico, ma a un membro del Parlamento che con la prepotenza e con metodi già allora chiaramente da galera, lo aveva impaurito.

Domanda: il politico di profilo così alto da essere reincaricato, addirittura come Salvatore della Patria, quali gravi motivi aveva per incaricare lo sconosciuto Avvocato del Popolo (Mussolini era famoso), estraneo al mondo della politica, a formare un nuovo governo? Sapeva che era di gomma, pronto ad adattarsi a qualunque situazione descritta sempre come la miglior soluzione? Lui, l'esterno, presentato a Mattarella da Buonafede, come la migliore soluzione, rispetto a tutti gli eletti in parlamento, pagati, e molto bene, per risolvere i problemi?

Ironie nel web: mettono in bocca a Salvini dopo il fallimento del "matrimonio combinato con l'Avvocato": E mi hai sposato ... da buonafede... certo ispirato... ma la persona /che in fretta ci ha uniti,/ lo dicono tutti/ che fosse un po’ matta/ sì! Mattarella...

Che motivi aveva per imitare, in peggio (visto che non aveva minacce da squadracce...) Vittorio Emanuele III?

La mancanza di fantasia e di coraggio (elezioni anticipate) l'ha portato a imitare pedissequamente il suo predecessore. Napolitano aveva optato, anche lui, per un tecnico illuminato: l'almeno serioso Monti, più affidabile come comportamento ed eloquio del Narciso cotto di sé stesso. Molto probabilmente anche Monti fu vittima di quella che potremmo chiamare la "sindrome del Colle": Napolitano, stanco da non poterne più, per età e continue gatte da pelare, ultima quella col piantagrane Enrico Letta, deve avergli fatto né più, né meno, che il discorso poi bissato da Mattarella col "Super Grullo": ti fai un annetto da ducetto come Capo del governo e poi... prenderai il mio posto. Stai sereno e va'!"

Dicono che Draghi sia tentato dall'idea di fondare un suo partito, cosa che si dice anche di Conte, cosa che fece Monti... . Nulla di nuovo. 
Repetita iuvant? Sembrerebbe proprio di no!
Repetita stufant!
Specialmente quando gli attori delle esperienze repetita, restano a campare di politica, per aumentare confusione e rumore: delle buone intenzioni di tutti gli scambiati per inviati dalla Provvidenza... sono lastricate le vie dell'inferno! (Ah, la saggezza popolare...).

Avete sentito Monti, Draghi, Conte, per non parlare del peggiore, Mattarella, per non nominare l'Innominabile, dire una sola frase, fare un cenno, sulla penalizzazione da 4° Reich che tra alcuni giorni, farà scattare uno degli ultimi denti dell'ingranaggio per sancire la "morte civile" di migliaia di cittadini, colpevoli solo di usare mente, cultura, consapevolezza, dignità, orgoglio, pietà? Dagli atenei, un tempo templi sacri della cultura applicata alla ragione, sono partiti o stanno partendo in extremis, appelli ai Rettori, con questo incipit (leggi nella prossima pagina):

Commenti
    Tags:
    mattarellaquirinalevittorio emanuele





    in evidenza
    Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)

    Affari va in rete

    Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)

    
    in vetrina
    La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

    La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


    motori
    Nuovi incentivi auto: opportunità per l'Italia e l'industria automotive

    Nuovi incentivi auto: opportunità per l'Italia e l'industria automotive

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.