A- A+
Politica
Primarie Pd: si voterà il 26 febbraio e solo nei gazebo (bocciato l'online)
Stefano Bonaccini e Elly Schlein 

Non passa la proposta di Elly Schlein, anche se si rischia il flop della partecipazione

Le primarie del Pd si svolgeranno il 26 febbraio. La decisione sarà ufficializzata mercoledì 11, come anticipato da affaritaliani.it, ma già c’è l’accordo sulla data. Il nuovo segretario sarà quindi scelto a cinque mesi esatti dalle dimissioni di Enrico Letta, all’indomani del tracollo nelle urne del 25 settembre.

E non era scontato che la data fosse quella, perché da parte di una federazione importante come quella milanese era giunta alla segreteria una richiesta ufficiale di spostamento “almeno” al 5 marzo. Rinvio, quindi, ma di una settimana e non di due, dopo che anche dal Lazio era stata sottolineata l’inopportunità della sovrapposizione con le regionali.

Un tema messo nero su bianco da un documento dei Giovani Democratici laziali e sottoscritto anche dai pari età lombardi, che pure si erano mossi per primi sul tema, per bocca del segretario Lorenzo Pacini. Melius est abundare quam deficere.

Analogamente scontato sembra l’esito dell’altra proposta all’ordine del giorno: l’estensione del voto alla modalità online, messa sul tavolo da Elly Schlein, ma destinata a essere respinta. Nessuno appoggia l’idea della italo-svizzera-statunitense, nonostante il concreto rischio che la partecipazione sia clamorosamente deficitaria, dato che in pratica certificherebbe l’irrilevanza del dibattito in corso.

Un dibattito che peraltro continua a ruotare intorno ai nomi dei candidati, eludendo accuratamente i temi concreti, che restano the best kept secret nella storia recente della politica. 

Elly Schlein tuttavia non si arrende: "Per noi la proposta non è affatto archiviata e continuiamo a tenerla sul tavolo", spiegano dalla sua area, "visto che anche gli altri candidati hanno delle richieste sul regolamento, come la raccolta firme e i tempi, cerchiamo di trovare una sintesi".

Il no di Stefano Bonaccini viene considerato "inspiegabile nella situazione in cui ci troviamo. E' surreale non provare ad allargare la partecipazione", mentre "Cuperlo è più possibilista", riferisce Adnkronos.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
elly schleinenrico lettaprimarie pdstefano bonaccini





in evidenza
Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

MediaTech

Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.