A- A+
Politica
"State con Putin": è bufera tra Anpi e Gramellini, con minacce di querela

Anpi-CorSera: l'articolo della discordia

Divampa la polemica tra l’Anpi, Massimo Gramellini e “Il Corriere della Sera”, Proprio nel giorno in cui l’Associazione Partigiani rielegge Gianfranco Pagliarulo come presidente nazionale, molti dei suoi iscritti invocano una querela contro il giornale di via Solferino e una delle sue più celebri firme. Il casus belli è dato dal corsivo dal titolo “Il fattore P”, nel quale Gramellini usa toni molto critici nei confronti dell’Anpi, suggerendo addirittura che la sigla sia ridefinita in “Associazione Nazionale Putiniani d’Italia” (da qui l’accenno del titolo alla “P”).

Gramellini ovviamente se la prende con la posizione dell’Anpi sulla guerra in Ucraina, iniziando il suo articolo con parole di fuoco: “Nel sacro nome della Resistenza, all’Anpi si è finito per perdonare di tutto. Non solo che i pochi partigiani ancora vivi non vi avessero più da tempo alcun ruolo, ma che l’associazione fosse sempre in prima linea quando si trattava di manifestare contro gli americani. I quali saranno pure il male assoluto, ma combatterono accanto alle brigate partigiane e le rifornirono di armi nella lotta all’invasore nazista. All’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia è stata perdonata anche la neutralità pelosa nella guerra in corso e persino certi arrampicamenti sui muri per distinguere la Resistenza buona da quella cattiva del popolo ucraino. Ma il manifesto del prossimo 25 aprile è imperdonabile”.

Nella raffigurazione grafica, in effetti, le bandiere tricolori sono esposte in orizzontale e non in verticale, ovvero come quelle ungheresi. “Omaggio inconscio a un altro politico di estrema destra, Orban, amico caro dell’aggressore russo”, rincara la dose Gramellini, il quale aggiunge: “Nessun cenno all’invasore Putin, che se non è un fascista, di certo gli assomiglia. Poi una citazione monca dell’articolo 11 della Costituzione, «l’Italia ripudia la guerra», dimenticandosi di aggiungere «come strumento di offesa» e arrivando così all’assurdo di ripudiare anche quella di Liberazione”. 

Leggi anche: 

"Governo, Draghi lascia (a breve). Elezioni dopo l'estate. Quasi fatta

Guerra Ucraina, conta solo la Russia. Occhi chiusi su altri regimi e dittature

Sondaggio, chi premier dopo le elezioni? I risultati. Classifica e tabella

Pd, in arrivo il nuovo libro di Bettini: è attesa la "bomba" sul partito

Pace o condizionatori? La terza via: che Draghi andasse via!

Guerra Ucraina, la Cina teme conflitto con gli Usa e accelera sul nucleare

Vino Made in Italy, fatturato record a 13 miliardi di euro

Casellati: "Gian Paolo Pasolini". No comment

BPER Banca, Mandelli: “Il mercato dei capitali è una sfida"

Gruppo FS Italiane: nuovo Parkin’ Station per la Stazione Centrale di Milano

Commenti
    Tags:
    anpiguerra russia ucrainail corriere della seramassimo gramellini





    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


    motori
    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.