A- A+
Sport
"Vuoi diventare italiano? Impara a giocare a pallone". Oriundi sì, G2 no
Jorginho, nato in Brasile, ma punto fermo della nazionale italiana campione d'Europa (IPA)

Italiani nati all'estero

Daniel è nato in provincia di Torino, figlio di immigrati dal Brasile: è un cosiddetto "G2", immigrato di seconda generazione. Ha 11 anni e non ha la nazionalità italiana, ma tifa per la Juve e per gli azzurri.

Jorge Luiz Frello Filho, meglio conosciuto come Jorginho, è nato 30 anni fa a Imbituba, nello Stato brasiliano di Santa Catarina. Lui non solo è italiano, ma con la maglia azzurra ha vinto gli ultimi europei e ora ha la chance di conquistare l’accesso al mondiale del prossimo inverno. Come lui, altri tre giocatori nati in Brasile sono stati convocati da Roberto Mancini per i playoff: Emerson Palmieri, Luiz Felipe e la new-entry Joao Pedro. 

Gli oriundi e il calcio italiano

La storia degli “oriundi” è molto antica, affondando le sue radici all’inizio del secolo scorso. Durante il fascismo venivano chiamati “figli della Grande Italia” e non c’è dubbio che il loro apporto sia stato determinante nella conquista dei quattro titoli iridati del nostro calcio: nel 1934 ne avevamo cinque (Monti, Guaita, Orsi, Demaria e Guarisi), mentre nel 1938 c’era il solo Andreolo. Nel mitico mundial 1982, del quale sta per ricorrere il quarantennale, c’era Claudio Gentile, italianissimo ma nato nell’ex colonia di Tripoli e quindi soprannominato “Gheddafi”. Anche nell’ultimo successo mondiale, quello del 2006, c’era l’italo-argentino Mauro Camoranesi, che la sera prima della finale fu incoraggiato telefonicamente da Diego Maradona (mica da Conti, Causio o Paolo Rossi…) e che rispetto all’inno di Mameli ammetteva candidamente: “Non ne conosco le parole. Figuratevi che non conosco nemmeno il mio, quello argentino”. 

Una discriminazione inaccettabile

In un mondo sempre più piccolo, è giusto che le leggi sulla cittadinanza cambino e si adattino ai tempi, ma quando si tratta di sportivi c’è sempre il sospetto di opportunismo: se la nazionale del mio Paese d’origine non mi vuole, trovo spazio in un’altra che invece mi apprezza. Al contrario, ci sono ragazzi che si sentono profondamente e autenticamente italiani, che hanno frequentato le nostre scuole, parlano la nostra lingua e sono intrisi della nostra cultura, ma la maglia azzurra non possono indossarla e, soprattutto, non godono degli stessi diritti degli altri cittadini italiani. 

Finora non sono bastati i vari tentativi di risolvere questa ingiusta discriminazione: lo Ius Soli, lo Ius Scholae attualmente in discussione e persino lo Ius Sportivo, partorito certamente con nobili intenti, ma che a molti ha ricordato la scena di “Quo Vado” nella quale Checco Zalone viene mandato al centro di accoglienza di Lampedusa e fa entrare in Italia solo i migranti che dimostrano di saper palleggiare efficacemente.

Un’iperbole? Mica tanto. Auguriamoci davvero che l’Italia vada al mondiale, magari proprio grazie a un gol di Jorginho o del nuovo azzurro Joao Pedro, ma auguriamoci soprattutto che arrivi presto un giorno nel quale anche chi è nato e cresciuto in Italia possa sentirsi italiano, a prescindere dal calcio. Perchè questo paradosso va sciolto il prima possibile.
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche: 

" Cacciari: "Zelensky pacifista? Cela trattative segrete per arrivare alla pace"

Tocci: Draghi sa che il mondo è cambiato. Putin? Oltre il punto di non ritorno

Guerra Ucraina, il fallimento di Putin. La Russia verso l'autodistruzione

Snam, ecco che cosa c'è dietro il prossimo "adieu" di Alverà

Dostoevskij, volano le vendite: boom per i libri a tema Ucraina e Russia

Kate e William in Belize, respinti dalla comunità di Indian Creek. VIDEO

Fondazione Roche: 500mila euro per 22 progetti di assistenza

“L’autosufficienza alimentare passa dall’acqua”

Banca Generali, inaugurata la BG Art Gallery di Milano

Commenti
    Tags:
    g2immigrazioneoriundiseconda generazione




    in evidenza
    Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan

    Analogie tra bandiere in panca

    Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.