I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
L'ascensore, i top e i flop TV
Coronavirus: ascolti tv in calo, ma per la radio è tutt’altra musica!

La frase Killed The radio star non è mai stata vera. La radio non è mai morta. La radio non è mai stata uccisa. La radio è viva e vegeta. In questo periodo difficilissimo per l'Italia il mezzo radiofonico strizza l'occhio agli ascolti. Salendo sul podio. 

Il  Coronavirus, infatti, mette in ginocchio soprattutto la tv. Che si lecca le ferite con ascolti spesso in caduta libera. Ma per la radio è tutt'altra musica. Ancora una volta il derby lo vince lei. In  FM, DAB o in sumulcast con la televisione, la radio sale sul podio. 

Lo dicono i dati della ricerca curata dall’istituto GfK, “L’ascolto della Radio ai tempi del COVID – 19”, commissionata da TER (Tavolo Editori Radio) che racchiude la quasi totalità delle emittenti pubbliche e private, nazionali e locali della radiofonia italiana.

Andando nel dettaglio, in questi ultimi tempi sono cambiate le abitutdini di vita con un effetto evidente sulla mobilità in auto (il 67% della popolazione la utilizza meno a causa dello stop governativo) e sui percorsi verso il lavoro (il 30% della popolazione non si reca più al lavoro fuori casa). Gli italiani sono costretti a stare a casa e la radio diventa la compagna ideale per la quarantena. 

L’impatto sugli ascolti delle radio è molto contenuto – si legge nella ricerca -  con un calo del 17%, compensato dall’aumento del tempo medio di ascolto cresciuto dell’11% (sull’ascolto degli ultimi 7 giorni).

“Alla riduzione netta dell’ascolto tramite autoradio corrisponde un aumento dell’ascolto attraverso tutti gli altri device – dice Giorgio Licastro, Responsabile Area Media di GfK - non soltanto la classica radio FM, alla quale si stanno affiancando gli apparecchi DAB+, ma anche la TV, lo smartphone e il PC (con riscoperta da parte delle fasce giovanili). Crescono pure tablet e smart speaker, i quali, pur partendo da basi contenute nel periodo pre-crisi, vedono tassi di incremento analoghi a quelli degli altri device”.

Una vera apocalisse digitale che inonda la popolazione di ogni età. La Radio, anche in questo caso, è al passo coi tempi. E vince. Nella ricerca, poi, si legge che “l’accesso digitale con le nuove necessità di collegamento al mezzo radio vede un incremento importante: +24% di reach e + 61% di tempo speso.

In altre parole i nuovi stili di vita casalinga plasmano anche le modalità di ascolto della radio.“Rilevante in casa è l’inedita presenza maschile e delle donne lavoratrici – sottolinea Giorgio Licastro - che aumenta le occasioni di esposizione (da 1,1 a 1,5 al giorno) e spinge verso l’alto, nella lista delle attività, l’ascolto mentre si lavora, mentre si fa ginnastica, nei momenti di relax". Siete ancora convinti che la radio sia morta? Provate ad accenderla per rendervene conto. 

 

Loading...
Tags:
radiotvascolti tvcoronavirus
Loading...
i più visti


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Audi: emissioni di CO2 nel 2020 inferiori agli obiettivi richiesti dall'Europa

Audi: emissioni di CO2 nel 2020 inferiori agli obiettivi richiesti dall'Europa


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.