I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Fondazione Manuli porta l’esperienza di "Alzheimer Cafè Milano" anche a Monza

Da oltre 25 anni la Fondazione Manuli aiuta concretamente, professionalmente e gratuitamente i malati di Alzheimer, prendendosi cura anche delle loro famiglie.

In occasione della XXVI Giornata Mondiale Alzheimer, Fondazione Manuli  si prepara a portare fuori dai confini milanesi il modello consolidato dell'Alzheimer Cafè Milano. 

Da ottobre, nell'ambito del progetto INCONTRO A TE strutturato da Cooperativa La Meridiana, Fondazione Manuli donerà la propria esperienza di oltre dodici anni per creare Alzheimer Cafè Monza, dando inizio ad una collaborazione che rappresenta un reciproco completamento per due realtà che hanno come obiettivo comune l'aiuto concreto per l'Alzheimer.

La sensibilità e la concretezza sono gli elementi che stanno alla base dell'incontro avvenuto tra due Enti che da anni dedicano risorse professionali alla cura del malato di Alzheimer e del Care giver.
Oggi Fondazione Manuli è certa di poter donare un contributo importante anche sul territorio di Monza per ridare dignità, benessere e autostima alle persone con decadimento cognitivo e ai loro familiari che si trovano ad affrontare il difficile percorso di cura del proprio caro.

Il tour “Fermata Alzheimer” con Korian 

logo manuli footer

In occasione del mese dell’Alzheimer, è partito il 13 settembre da Treviso e si concluderà venerdì 27 settembre a Bari il tour “Fermata Alzheimer” voluto da Korian per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle demenze che colpiscono solo in Italia 1 milione e 200 mila persone e 50 milioni nel mondo. La crescita negli ultimi anni è vertiginosa e si stima che il numero triplicherà in 30 anni.

A Milano, lunedì 16 settembre, in piazza Tito Minniti, in zona Isola, dalle ore 10 alle ore 18 è stato possibile fare una vera e propria esperienza immersiva: tutti i presenti hanno potuto vivere l’Alzheimer per 10 minuti, grazie a un visore che, attraverso delle immagini in 3D, proietta lo spettatore nella malattia per comprenderla da vicino.

Inoltre, Fondazione Manuli Onlus con la collaborazione di Emanuela Galbiati, Arte Terapeuta a Orientamento Psicodinamico, ha organizzato una sessione di Arte Terapia aperta a tutti, nella quale i visitatori hanno sperimentato dal vivo questa metodica che mira a facilitare il recupero di facoltà residue necessarie all’individuo per affermare se stesso, recuperare autostima e identità personale e a sentirsi ancora considerato e valorizzato nella sua interezza di persona.

>>> Scopri tutte le tappe del tour Fermata Alzheimer

Per chi volesse prenotarsi può scrivere a: comunicazione@fondazione-manuli.org

KORIAN

image001

Da 1994 nel corso di oltre vent’anni Korian in Italia ha costruito un’offerta qualificata e sempre più ampia di Servizi Sanitari e Socio Sanitari rivolti a persone fragili (anziani autosufficienti e non, disabili, malati psichici, pazienti in coma, in stato vegetativo e in stato di minima coscienza) e anche a persone che necessitano di assistenza post-acuta e di riabilitazione.

Korian si è sviluppata e consolidata negli anni grazie al modello di Assistenza intesa come “prendersi cura globale”, un approccio che coniuga professionalità e umanità.

La rete assistenziale integrata di Korian, che dalla Lombardia si estende a Piemonte, Liguria, Veneto, Emilia, Toscana, Lazio, Puglia e Sardegna, consente di rispondere alle più diversificate esigenze assistenziali: un network di strutture, di competenze professionali, di servizi mirati e di tecnologie all’avanguardia; un polo permanente di percorsi formativi, di aggiornamento, informazione e ricerca.

L’Arte Terapia

GalbiatiEmanuela Galbiati

Chiediamo alla dr.ssa Emanuela Galbiati, presente alle iniziative di Fondazione Manuli, se ci può spiegare in due parole l'importanza dell'Arte Terapia: "L'Arte Terapia nasce nel periodo tra le due grandi Guerre nel trattamento del trauma post-bellico dei soldati, anche se, già alla fine del 1800, erano nate diverse teorie circa la comprensione delle patologie psichiatriche attraverso le produzioni artistiche. La connotazione da approccio diagnostico a terapeutico avviene con la nascita della Psicoanalisi".

Quindi da Freud in poi?

"Sì, Freud considerava l'Arte la seconda via d'accesso all'inconscio dopo il sogno e per Jung attivare la creatività del paziente significava colmare il salto tra coscienza e inconscio. Oggi l'Arte Terapia è una metodica riconosciuta e utilizzata in diversi Paesi del mondo e in Italia è stata riconosciuta e definita come professione dalla Legge 4 del 2013, che norma le professioni non ordinistiche. Può essere utilizzata sia nel campo della promozione del benessere sia in presenza di patologie psichiche o organiche, così come nel trattamento di traumi di diverso genere e natura e nelle situazioni di handicap psico-fisico. Il mezzo essenziale di comunicazione tra paziente e Arte Terapeuta è il processo artistico (del paziente) e l'opera che ne è il risultato, che viene osservata, condivisa ed elaborata, all'interno del setting arte terapeutico, al fine di raggiungere gli obiettivi preposti".

Ma chi non sa disegnare o non si sente uno spirito artistico, come si avvicina a questa terapia?

"Arte Terapia non significa imparare a disegnare né avere come scopo la realizzazione di un oggetto "bello", poiché l'attenzione viene posta sul "processo" piuttosto che sul "prodotto". Arte Terapia significa esprimersi creativamente, senza giudizio o regole pre-stabilite, per poi osservare che cosa è emerso allo scopo di comprendere meglio se stessi, esattamente così come non è possibile giudicare un'emozione che ci si ritrova dentro, che va invece solo osservata e compresa" conclude la dr.ssa Emanuela Galbiati.

EMANUELA GALBIATI

Arte Terapeuta a Orientamento Psicodinamico diplomata al Programma Quadriennale di Art Therapy Italiana, iscritta al Registro degli Arte Terapeuti Italiani APIArT e Terapeuta Espressivo Certificato, Specializzata in Linguaggi Artistici nella Psicologia Clinica all'Alta Scuola di Psicologia dell'Università Cattolica di Milano. Sono Coordinatore delle Terapie Espressive dell'Unità Rieducativa Parkinson e del Nucleo Alzheimer dell'Istituto Redaelli di Milano, Consulente Arte Terapeuta per Fondazione Manuli Onlus e Consulente e membro del Comitato Scientifico di Moovit Onlus. Lavoro con pazienti bambini, adolescenti e adulti in studio privato a Milano. 

In collaborazione con Fondazione Manuli Onlus  www.fondazione-manuli.org e Intesa Sanpaolo, ha ideato il Progetto “Due passi nei musei di Milano: Arte Visiva e Arte Terapia per l’Alzheimer”, che ha condotto presso importanti realtà museali milanesi come Gallerie d’Italia Piazza Scala, Museo Poldi Pezzoli e Pinacoteca di Brera.

Qui link al suo sito http://www.studioarteterapiamilano.it

Dr.ssa EMANUELA GALBIATI
Arte Terapeuta ATI APIART
Specialista in Linguaggi Artistici nella Psicologia Clinica                            
Terapeuta Espressivo Certificato FAC

>>> Scopri di più sul progetto di Arte Terapia di Fondazione Manuli

Commenti
    Tags:
    fondazione manulialzheimer cafècooperativa la meridianakorianemanuela galbiatialzheimer
    in evidenza
    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    Costume

    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.