I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Vicini e "no mask", a Sanremo si può: ecco il distanziamento élite-miserabili
Zlatan Ibrahimovic e Fiorello - Sanremo 2021 (Lapresse)

Sanremo 2021, il Festival senza mascherine e distanziamento sociale

Non ho resistito alla tentazione. Alla fine, ho guardato l'incipit del Festival della canzone italiana di Sanremo di questo sventurato 2021. Prime scene che colpiscono: loro, i protagonisti assoluti, senza mascherine e senza distanziamento sociale, come se il coronavirus mai fosse passato su questa terra. I suonatori dell'orchestra e gli aiutanti esterni, invece, rigorosamente mascherati, secondo un modus operandi che abbiamo già visto all'opera da tempo: ricordate le feste nelle ville patrizie, con i padroni gaudenti come se il virus mai fosse esistito, e con la servitù rigorosamente col volto coperto dalle mascherine?

Insomma, in tutta Italia teatri e luoghi della cultura chiusi: ma loro, a Sanremo, no, perché Sanremo è Sanremo. O, più precisamente, perché loro sono loro e noi non siamo nulla. Ogni anno Sanremo chiede di essere vista, come kermesse subculturale, perché è il luogo in cui forse meglio la civiltà dello spettacolo mette a nudo se stessa, con tutte le sue macroscopiche contraddizioni, con tutte le sue intollerabili ipocrisie. Quest'anno, poi, esse sono affiorate in forma iperbolica.

Mentre l'Italia soffre in silenzio, condannata a lockdown assassini, che di certo producono soltanto la morte dell'economia e della società, loro, a Sanremo, non possono fermarsi, devono andare avanti come se nulla fosse: i loro cachet da capogiro, i loro ingaggi spropositati non possono interrompersi mai. Ecco, Sanremo ci ha insegnato una cosa quest'anno: che il famoso distanziamento sociale è anche il distanziamento, ogni giorno crescente, tra i primi e gli ultimi, tra i beneficiari sazi della globalizzazione, lassù in alto, e i nuovi miserabili senza diritti, laggiù in basso.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Commenti
    Tags:
    sanremo 2021 festival mascherine distanziamentosanremo 2021 mascherine distanziamento
    in evidenza
    Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

    Disastro Juventus

    Peggior partenza dal 1961-62
    Col Milan Allegri sbaglia i cambi

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

    Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.