A- A+
Palazzi & Potere
Enrico Letta vuole più tasse: "Aumentare successione"

Ursula von der Leyen Enrico Letta 
Lapresse

"Su @7Corriere lancio proposta di #dote per i #diciottenni", firmato Enrico Letta. Il segretario del Partito democratico anticipa quindi su Twitter parte del contenuto di un'intervista concessa al settimanale de "Il Corriere". "Per la generazione più in crisi un aiuto concreto per studi, lavoro, casa. Per essere seri va finanziata non a debito (lo ripagherebbero loro) ma chiedendo all'1% più ricco del paese di pagarla con la tassa di successione", conclude l'ex premier.

Un obiettivo, scrive IlGiornale.it, a cui Letta punta con forza e per arrivare al quale sarebbe addirittura disposto a scendere a patti con uno dei suoi principali rivali politici, il leader del Carroccio Matteo Salvini."Per la dote ai diciottenni sarei disposto a venire a patti anche sulla legge elettorale", spiega il leader dei dem al giornalista nel corso dell'intervista. "Il mio sogno è trattenere i ragazzi italiani in Italia, senza però farli restare in casa con mamma e papà fino a trent’anni. Il problema principale del nostro Paese è che non fa più figli. Ci vuole una dote per i giovani, finanziata con una parte dei proventi della tassa di successione, e un accesso ai mutui-abitazione anche per chi non ha genitori in grado di fornire garanzie".

La manovra

Un provvedimento che sarebbe quindi da finanziare con un incremento della tassa di successione che andrebbe a colpire in modo proporzionalmente progressivo tutti quei patrimoni che superano il milione di euro. L'aliquota massima applicabile verrebbe a scattare, invece, al di sopra dei 5 milioni di euro, una soglia più bassa rispetto a quella stabilita in altri Paesi dell'Unione Europea.

Una riforma per la quale esercita forti pressioni non solo il Partito democratico, che presenterà una specifica proposta di legge, ma anche il fronte dei liberali il cui punto di riferimento resta Mario Monti. Per i sostenitori della manovra le nostre tasse di successione sono tra le più basse in tutto il vecchio continente.

Si dovrebbe trattare di una misura della durata di cinque anni, dedicata a giovani di età compresa tra 13 e 17 anni i quali, al compimento del 18° anno dovrebbero incassare un assegno del valore di ben 10mila euro. Tra i requisiti primari richiesti il reddito medio/medio-basso della famiglia di appartenenza, certificato ovviamente tramite l'Isee. Calcolando che in media sono circa 560mila i ragazzi ad arrivare al traguardo della maggiore età ogni 12 mesi si possono stimare all'incirca 280mila beneficiari. I 10mila euro, almeno stando al progetto iniziale dei dem di Letta, potranno essere impiegati solo per istruzione/formazione al lavoro, lavoro/piccola imprenditoria ed infine per casa/alloggio.

Commenti
    Tags:
    enrico lettatasse
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia

    Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

    Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.