A- A+
Costume
Se il tuo gatto fa la dieta rischi la galera

Gatti vegani — Nel tardo autunno scorso, quando l’isterismo Brexit non si era ancora pienamente maturato e i giornali britannici avevano ancora spazio per altro, c’è stata una breve tempesta mediatica riguardo a una “raccomandazione” della RSPCA—la Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals, la “protezione animali”—secondo la quale chi obbligava il proprio gatto a seguire una dieta vegana poteva star infrangendo la legge e rischiava addirittura di andare in galera per l’abuso commesso.

Un portavoce dell’Associazione ha infatti ricordato che, a differenza dei cani—abbastanza onnivori—i gatti sono dei carnivori obbligati e hanno bisogno di mangiare frequentemente la carne per restare in salute. Ha citato il codice criminale inglese secondo il quale i padroni dei pets debbano “intraprendere ogni azione necessaria per assicurare il benessere dei loro animali”, ricordando che “ciò comprende fornirgli una dieta adeguata” e che nel caso di abusi gravi, si rischiava una multa pesante o perfino una sentenza penale per maltrattamento.

Il boom vegano pare ormai in declino, forse perché la grande maggioranza—il 70% secondo lo Humane Research Council americano—si stufa dopo un po’ e torna a mangiare la carne. L’episodio inglese e la reazione che ha provocato mostrano però punti di similitudine con un altro fenomeno attuale, il movimento No-Vax, sia nella volontà di respingere le “verità scientifiche” sia nella scelta delle argomentazioni. Il “Tweet storm” vegano in reazione al consiglio della protezione animali verteva fondamentalmente su tre temi: “Sono la sua mamma e so io cosa fa bene al mio Fuffi”, “Che c’importa di cosa dicono quelle mummie di scienziati che ci rimpinzano di tanti veleni” e “Le loro ricerche sono pagate dai signori della Kitekat”. Rispecchiano da vicino il ragionamento No-Vax.

Questo è interessante perché, oltre al comune rifiuto dei risultati scientifici convenzionali, qui si annida un altro punto di condivisione tra il veganismo e il movimento anti-vaccino. Almeno nel mondo anglosassone, entrambi i fenomeni sono molto marcatamente femminili. Secondo i dati demografici, l’80 percento dei vegani americani sono piuttosto “vegane”. Percentuali simili, sempre con un margine ampio, sembrerebbero riguardare il fenomeno No-Vax, anche se quest’ultimo è più recente e meno studiato. Una ricerca apparsa su “Information, Communication & Society” e condotta da due studiosi australiani, Naomi Smith e Tim Graham—basata su un’analisi di due anni di “post” sulle pagine Facebook No-Vax più frequentate—dimostrerebbe, secondo gli autori, che il movimento sia “highly feminised” e che: “la vasta maggioranza dei partecipanti sono donne”.

In tutto l’Occidente, le donne hanno mediamente una preparazione scolastica migliore di quella degli uomini. Negli Usa, dove la tendenza è arrivata con ritardo, le donne che oggi prendono una laurea universitaria sono il 38% rispetto al 33% degli uomini. Si sa che le femmine leggono di più e comprano più libri. C’è chi attribuisce l’attrazione per le eresie mediche a un retaggio storico: le donne sono state tradizionalmente le “garanti” del benessere della salute della famiglia. Sarebbe dunque “culturalmente” coerente che si preoccupino maggiormente per i temi sanitari. L’ipotesi, con la sua visione retrograda del ruolo femminile, non è però universalmente gradita.

Commenti
    Tags:
    gatti
    in evidenza
    Leao perde la causa milionaria Pagherà 20 mln di risarcimento

    Chiuso il caso con lo Sporting

    Leao perde la causa milionaria
    Pagherà 20 mln di risarcimento

    i più visti
    in vetrina
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


    casa, immobiliare
    motori
    FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

    FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.