A- A+
Cronache
Chi è Stefano Puzzer, leader della protesta di Trieste contro il Green Pass
Stefano Puzzer intervistato da "Quarta Repubblica"

Dalle gru alle interviste in prima serata: fenomenologia mediatica di Stefano "Ciccio" Puzzer
 


Chi è Stefano Puzzer, già leader del Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste e oggi alla testa del "Coordinamento 15 ottobre"?

La protesta contro l’obbligo del Green Pass sui luoghi di lavoro ha reso familiari le fattezze e la parlata – con una forte inflessione friulana – del gruista 45enne tifoso dell'Inter che ha iniziato ad arringare le folle, a esternare in tutti i telegiornali e a convocare con la stessa disinvoltura manifestazioni e ministri.

Il leader dei No Green Pass Puzzer: "Patuanelli a Trieste sabato, vogliamo anche Speranza" 

Una popolarità certamente inattesa, ma non illogica per un sindacalista di lungo corso. In servizio dal 1994 presso il porto di Trieste, “Ciccio” (così lo chiamano gli amici) ha alle spalle diverse battaglie per i diritti dei lavoratori. Tra queste, spicca senza dubbio quella del 2015, allorché Puzzer bloccò lo scalo mobilitando tutti i circa 220 iscritti al sindacato. Quella prova di forza finì con un vero capolavoro, ovvero l’accettazione da parte dell’Autorità portuale del testo integrale dell’Allegato VIII del Trattato di Parigi del 1947, che garantisce la priorità ai lavoratori triestini nelle assunzioni presso il porto cittadino.

Un colpo da fuoriclasse, anche se oggi qualcuno fa notare una certa incongruenza tra le istanze localiste (che peraltro furono alla base della nascita del CLPT) e l’impegnativa etichetta di “leader patriota” che qualcuno gli ha appiccicato per la determinazione nella protesta contro un obbligo che viene vissuto come dittatoriale.

Non è dato di sapere quale sia l’orientamento politico di Puzzer, ma un elemento di oggettiva contraddizione pare risiedere nel fatto che l’acceso contestatore del Green Pass affermi di essere “vaccinato per convinzione”, anche se sui suoi social non è difficile imbattersi in contenuti palesemente no vax.   

puzzer 1
 

D’altra parte, è dote fondamentale di un sindacalista sapersi fare interprete del disagio che serpeggia tra i lavoratori e che, in questo caso specifico, è la risultante di un mix veramente eterogeneo: non sono certo solo estremisti di destra a protestare contro il Green Pass, anche se i fatti di Roma ne hanno messo in luce l’ingombrante presenza, bensì un complesso insieme di scetticismi e delusioni varie.

Sposato con Matia, che ne appoggia la battaglia contro le decisioni del Governo, e padre di un bambino, il “sognatore rivoluzionario” (è lui stesso a definirsi così) ha portato la sua tuta gialla nelle case degli italiani e con immagini forti. Dalle lacrime durante lo sgombero del sit-in ai più energici idranti dei quali si è discusso anche in Parlamento, con forti critiche per la ministra Lamorgese, ha costruito un’immagine barricadera che rimanda ai tempi più gloriosi delle rivendicazioni dei lavoratori.

stefano puzzer screenshot da skytg2410Il pianto di Puzzer (screenshot Sky TG24) 
 

Un percorso di rapida ascesa, ma non immune da inciampi. È stata piuttosto clamorosa la rottura tra “Ciccio” e i portuali di Trieste, che non gli hanno perdonato una certa vaghezza nella fase più calda della lotta. Puzzer aveva infatti dichiarato un po’ frettolosamente vittoria, avendo ottenuto un incontro in Parlamento, e il fatto che aggiungesse “domani torniamo a lavorare” aveva fatto letteralmente infurirare i colleghi. Costretto a una rapida marcia indietro con la decisione di prolungare la protesta, ha però indispettito gli altri leader del movimento, che non hanno gradito la sua fuga in avanti. Pur avendo derubricato l’episodio a “una svista comunicativa”, Puzzer è stato costretto a fare un passo indietro, lasciando il ruolo di portavoce. Almeno quello dei portuali, perché poco dopo ha assunto la guida del Coordinamento 15 ottobre, che si pone come obiettivo quello di allargare la mobilitazione ad altre città ed altre categorie professionali. 

Un’evoluzione ben poco gradita al CLPT, che con un secco comunicato si è chiamato fuori dal progetto, di fatto disvelando una chiara e forse definitiva spaccatura nella protesta. Sarebbe stato difficile prevederlo solo poche ore prima, quando Puzzer respingeva con sdegno la proposta di tamponi gratis per i portuali, affermando di non essere disposto a lasciare a casa neppure "un solo fratello". 

Eppure la battaglia continua e, se l’autunno continuerà ad essere caldo come tutti pronosticano, certamente Stefano “Ciccio” Puzzer ne sarà immancabilmente un protagonista.
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    chi è stefano puzzerleader della protestano green passporto di triesteportuali
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"





    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.