A- A+
Cronache
Dimmi come parli e ti dirò che patologia hai

C’è una nuova tecnologia che promette grandi risultati nel campo della diagnostica medica.

Lo scopritore, Giovanni Saggio, è un professore dell’Università di Tor Vergata (Dipartimento Ingegneria Elettronica), che ha messo a punto uno strumento che dalla sola analisi della voce può risalire, con ragionevole errore (minore dell’1%), ad un ampio spettro di patologie grazie alla variazione di parametri caratteristici della voce.

Tra le più rilevanti l’Alzheimer, il Parkinson, la tubercolosi, ma anche otite, rinite, faringite, febbre virale.

Il professore, insieme ad altri studiosi, ha brevettato già nel 2012 la sua scoperta con il titolo: “processo di analisi dei campioni di voce di un soggetto per verificare il suo stato di salute”.

Detta così sembra una delle tante fake-news che purtroppo girano per il Web, ma dietro questa notizia c’è appunto un professore di ingegneria elettronica molto noto nel suo campo e una serie di lavori scientifici a supporto.

Il professor Saggio lavora con un team di dottorati, dottorandi e laureati del suo Dipartimento universitario e si occupa anche di altre cose, specificatamente di robotica avanzata con cui collabora con noti enti esterni. Qui si possono trovare tutte le informazioni sul gruppo di ricerca:

https://web.uniroma2.it/module/name/Content/action/showpage/content_id/49976

Di questo specifico progetto si era occupata la stampa qualche tempo fa, ma ora finita la prima fase si apre la seconda e cioè la realizzazione del prototipo e poi la commercializzazione tramite le start-up Cloudwise, guidata dall’ Ing. Luigi Tavolato e la Voicewise guidata dalla dottoressa Maria Tavasci, sta iniziando la fase di prototipizzazione che entro due anni ha l’obiettivo di fornire una macchina funzionante.

Della parte tecnica si sta occupando invece l’Ing. Paolo Pellini.

La macchina consiste in un microfono di alta qualità che registrando il suono del “paziente” lo analizza elettronicamente e fornisce in risposta una indicazione di un ventaglio di possibili patologie (se ci sono) correlate. Uno strumento quindi non invasivo e facilmente ingegnerizzabile, con l’idea in futuro dell’utilizzo via smartphone.

Ovviamente la fase di validazione scientifica dei dati presso strutture mediche ufficiali sarà il punto forte del progetto, che già ha avuto una prima realizzazione pratica funzionante da anni in India, ma con altre patologie.

Se le promesse verranno rispettate si tratterà di un metodo rivoluzionario ed espressione di quel made in Italy di cui il nostro Paese ha tanto bisogno.

 

 

Commenti
    Tags:
    giovanni saggiouniversità di tor vergatacloudwise
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi

    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.