A- A+
Cronache
Reggio, sbarcano migranti della Rise Above. Scesi 99 minori dalla Humanity 1
migranti

Sbarcati a Reggio Calabria tutti i migranti a bordo della nave Rise Above. Da Humanity 1 scesi 99 minori. Nuova ispezione sulla Geo Barents di Catania

Gli 89 migranti arrivati in Italia a bordo della nave Rise Above sono sbarcati a Reggio Calabria. Tra questi, circa quaranta minori e otto bambini in tenera età. Ora, i richiedenti asilo sono in un centro di prima accoglienza in attesa del trasferimento sulla base del riparto nazionale stabilito dal ministero dell'interno.

Reggio Calabria, salvati 89 migranti con evento Search and rescue

Salvati dalla nave Rise Above, gli 89 migranti sono scesi a terra perché l'intervento dell'imbarcazione della Ong tedesca Mission Lifeline è considerato un evento Sar (Search and rescue) a differenza della situazione delle altre due navi Geo Barents e Humanity one ferme a Catania. Nella prima fase dello sbarco di Reggio Calabria, l'equipaggio della Rise Above non è stato fatto scendere dalla nave in attesa che fosse identificato dalle forze dell'ordine.

Fonti vicine alle autorità, infatti, fanno sapere che occorreva verificare se, tra i marittimi a bordo dell'imbarcazione gestita dalla Ong "Mission Lifelive", ci fossero persone non comunitarie per le quali ci potevano essere delle restrizioni. Eseguito l'accertamento e verificato che tutti i componenti sono comunitari, essi hanno avuto la possibilità di scendere sulla banchina.

Catania, da Humanity 1 scesi 99 minori non accompagnati

Sono 99 i minorenni non accompagnati scesi dalla nave Humanity 1 e sono stati affidati a strutture idonee: sono 94 ragazzi che sono adesso a Ragusa, e quattro ragazze, tre a Piazza Armerina (Enna) e una a Giarre (Catania). Nella distribuzione si è tenuto conto oltre che della familiarità tra i minorenni, anche dei rapporti di amicizia.

Non risultano invece minorenni non accompagnati scesi dalla Geo Barents. È quanto emerge dai report della Questura di Catania alla procuratrice per i minorenni di Catania, Carla Santocono. L'ufficio si avvale della collaborazione di Save the children e di mediatori culturali nell'ascolto dei minorenni.

Secondo quanto si è appreso si sta svuotando anche il Palaspedini, l'impianto sportivo del Comune di Catania dove sono stati ospitati i "fragili" scesi dalle due navi ong. Il trasferimento avviene dando la priorità a famiglie con bambini, poi alle donne e, infine, agli uomini.

La situazione della Geo Barents a Catania

"L'ispezione dell'Usmaf a bordo è in corso. A seguito della nostra richiesta di ieri sono arrivati i medici: due psicologi e stiamo aspettando un medico clinico per verificare le infezioni cutanee". Così il capo missione della Geo Barents, Juan Matias Gil, parlando con i cronisti nel molo dieci del posto di Catania. "Help... help" urlano i migranti a bordo della Geo Barents. Sulla nave della Ong, i naufraghi mostrano due cartelli, in uno c'è scritto "Help" e nell'altro "Disembark 4 all".

I due migranti che ieri si erano buttati in mare e poi soccorsi hanno dormito sdraiati all'interno di un furgone bianco fermo in banchina a una ventina di metri dalla Geo Barents. I due si sono rifiutati di risalire sulla nave e hanno trascorso l'intera giornata di ieri accovacciati in banchina. Sono stati assistiti dai volontari della Croce Rossa e si trovano in buone condizioni di salute.

Sono tornati a manifestare gli attivisti nel porto di Catania per solidarizzare con i migranti a bordo della Geo Barents, attraccata in banchina. Per motivi di sicurezza però il presidio rispetto ai giorni scorsi si tiene all'esterno dell'area di accoglienza nel molo dieci, perché ci sono turisti e pullman.

Gli attivisti urlano "tutti liberi, tutte libere" e "assassini in giacca e cravatta". I cronisti invece sono all'interno dell'area, a ridosso del cancello di accesso alla banchina.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
migranti
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


in vetrina
Netflix, non solo serie tv e film: ora lancia la sua linea di pop corn

Netflix, non solo serie tv e film: ora lancia la sua linea di pop corn





motori
La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.