A- A+
Cronache
Vincenzo Scotti: "La lotta alla mafia mi costò la carriera". Videointervista

Vincenzo Scotti, giù ministro del Lavoro e ministro dell'Interno ai tempi delle stragi di mafia nel '92, parla del periodo della cosiddetta "trattativa Stato mafia" in una videointervista del direttore di Affaritaliani.it, Angelo Maria Perrino.

CLICCA QUI PER GUARDARE LA VIDEOINTERVISTA DEL DIRETTORE DI AFFARITALIANI.IT ANGELO MARIA PERRINO ALL'EX MINISTRO DELL'INTERNO VINCENZO SCOTTI

 



"Una parola credo la debba dire innanzitutto la giustizia", afferma Scotti riguardo alla trattativa. "Tocca a loro investigare per capire se ci sono delle prove di una trattativa tra Stato e mafia avvenuta per fermare le stragi. Alla politica e alla società spetta invece il compito di fare chiarezza sulle linee di contrasto alla mafia".

"Ci sono sempre state nella storia del nostro Paese due tendenze", dichiara Scotti. "Una che tende a convivere con la mafia circoscrivendone la forza e l'altra che pensa che quel fenomeno possa essere distrutto. Io penso che la mafia vada distrutta perché quel tipo di organizzazione criminale cerca di corrompere e indebolire lo Stato e le strutture pubbliche in genere. Tende con la violenza a dominare sulla società. Tutto questo va sradicato ma ci vuole una scelta complessiva in tal senso a livello locale e mondiale".

"E in quegli anni ci fu chi non volle farlo?", chiede il direttore Perrino. "Ci furono opinioni diverse", risponde Scotti. "Io e Martelli prendemmo delle misure molto dure ma c'era anche chi pensava che non si potesse rischiare di avere altre bombe. Io penso che invece il rischio andasse accettato e che la mafia venisse sconfitta a tutti i costi".

"Ho parlato più volte coi pm", continua Scotti. "Fin quando ci siamo stati io e Martelli ci siamo rifiutati di operare qualsiasi attenuazione nelle misure contro la mafia. Dopo la morte di Falcone con un governo dimissionario abbiamo comunque adottato un decreto legge che introdusse il carcere duro. Pensammo di dover dare un segno, ci voleva una risposta forte da parte dello Stato per far vedere che non saremmo indietreggiati".

Il dubbio è che dopo Scotti e Martelli non sia proseguita la stessa azione contraria alla mafia. "Non ci sono più stato dopo, non posso dirlo", spiega Scotti. "L'ultimo atto che ho fatto da ministro dell'Interno fu quello di riunire carabinieri e polizia e assegnare a ciascuno un gruppo di latitanti. Lo Stato non può consentire di essere visto impotente dai cittadini di fronte alla mafia".

Scotti non ha mai parlato della fine della sua carriera politica, ma stavolta alle domande del direttore di Affari rivela che in effetti il suo atteggiamento nei riguardi di Cosa Nostra possa essergli anche costato la carriera. "Ci credo abbastanza, credo di sì", confessa Scotti. "Quando mi sono dimesso dagli Esteri comunque ho deciso di lasciare e dedicarmi alla formazione dei giovani e all'università".

La conclusione, amara, è sulla politica di oggi: "Rimpiango molto la perdita di peso e l'incisività della nostra politica. Al giorno d'oggi troppi poteri non democratici governano il mondo. Come stiamo vedendo in questi giorni la Finanza domina l'Europa. La politica non c'è più".

Tags:
vincenzo scottiintervistastato mafia
Loading...
in vetrina
Previsioni meteo: weekend di Ferragosto bollente con l'anticiclone superstar

Previsioni meteo: weekend di Ferragosto bollente con l'anticiclone superstar

i più visti
in evidenza
Antonella Elia torna nella Casa Cast: Gregoraci, Mattera e...

Grande Fratello Vip 5 news-rumors

Antonella Elia torna nella Casa
Cast: Gregoraci, Mattera e...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Opel Kadett Impuls I, progenitore di Opel Corsa-e

Opel Kadett Impuls I, progenitore di Opel Corsa-e


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.