A- A+
Culture
A Prato i capolavori della pittura dal '400 al '700

Fino al 6 gennaio 2015 il Museo di Palazzo Pretorio di Prato offre un'occasione unica per vedere riunite le più importanti opere d'arte provenienti dalla collezione della Banca Popolare di Vicenza, alcune delle quali mai esposte finora al grande pubblico, proponendo un ampio panorama dell'arte toscana e veneta tra il '400 e il '700.

La mostra si inquadra nella politica di valorizzazione culturale che la Banca Popolare di Vicenza da sempre attua nei territori in cui opera e si colloca nell'ambito del progetto del Comune di Prato di fare del Museo di Palazzo Pretorio una sede per esposizioni dall'alto profilo scientifico.

Riunite e ordinate nelle quattro sezioni della mostra, 86 opere tra tavole e tele sono messe a confronto a partire dai soggetti in esse contenute, consentendo di recuperare affinità e rimandi, e di avvicinare, nella lettura iconografica, dipinti di differente scuola e di diversa epoca ed origine.

Dal Rinascimento alla Rivoluzione francese vengono raccontati i temi più trattati nei secoli dalla pittura, attraverso un approccio che favorisce una riflessione sulle costanti della storia dell'arte. I capolavori di Bellini, Filippo Lippi, Tintoretto, Tiepolo, Caravaggio e dei maestri della pittura toscana e veneta, incontrandosi e e confrontandosi, riescono a svelare nuovi contenuti.

La prima sezione della mostra, intitolata “Imago Magistra“, ruota intorno ai soggetti pittorici a tematica religiosa. Prendendo le mosse da quello più diffuso nella storia della pittura, la “Madonna col Bambino”, questa sezione si snoda attraverso le rappresentazioni dei simboli delle Virtù, per passare ai temi ispirati dai testi evangelici e dall’Antico Testamento.

Qui è possibile ammirare capolavori assoluti della storia dell’arte come la Crocifissione di Giovanni Bellini o la Coronazione di Spine del Caravaggio, come la Madonna col Bambino e San Giovannino di Jacopo Bassano o la Madonna col Bambino di Filippo Lippi.  Parte della sezione viene poi dedicata al cammino evangelico di Gesù, con illustrazioni riferite principalmente alla sua infanzia e al periodo della passione, episodi più semplici da rappresentare in figura rispetto a manifestazioni e momenti appartenenti alla sfera dell’invisibile.

CAPOLAVORI CHE SI INCONTRANO
Bellini Caravaggio Tiepolo e i maestri della pittura toscana e veneta
nella Collezione Banca Popolare di Vicenza

Prato - Museo di Palazzo Pretorio
5 ottobre 2014 - 6 gennaio 2015

www.capolavorichesiincontrano.it

OGNI OSPITE DELLA MOSTRA POTRA' VISITARE PRATO IN MODO UNICO E PRIVILEGIATO
In occasione della Mostra "Capolavori che si incontrano" i ristoranti, gli alberghi e le attività commerciali Clienti della Banca Popolare di Vicenza mettono a disposizione dei visitatori iniziative e vantaggi esclusivi.
Accedere ai vantaggi riservati ai visitatori della Mostra è semplice: è sufficiente esibire il biglietto di ingresso presso i partner convenzionati.

 

Tags:
prato-capolavori-pittura-settecento-quattrocento
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.