A- A+
Economia
Nomine, ecco che cosa potrebbe succedere in Enel, Leonardo e Terna
Giorgia Meloni, Alessandro Profumo, Starace, Descalzi, Antonio Donnarumma, Gian Vittorio Armani

Le nomine: Giorgia Meloni deve scegliere che cosa fare con Enel

Ora Giorgia Meloni non ha più scuse: deve gestire il dossier nomine e deve farlo in 42 giorni esatti. Pochi o tanti che siano, entro il 31 marzo il Mef dovrà consegnare i nomi per il rinnovo dei vertici. Che cosa dice il borsino? Che l'unico sicuro di rimanere al timone è Claudio Descalzi, manager 68enne che agli amici avrebbe confidato "se mi vogliono, io resto, altrimenti mi dedicherò ai miei cani". Per il resto si vive di sussurri e di immagini che il cerchio magico della premier ogni tanto proietta all'esterno. 

Gli analisti di Borsa potrebbero far emergere qualche sorpresa nella partita di Enel. Il ceo Francesco Starace è dato per molti in uscita. Sarà davvero così? È in effetti molto probabile, perché anche in questo caso i numeri cui si possono attaccare i suoi detrattori esistono: l'indebitamento lordo durante la sua gestione è aumentato di 45 miliardi in nove anni. Eppure, anche in questo caso si può leggere la realtà in modo differente: l'aumento della mole di debiti è stata necessaria per finanziare le acquisizioni di Endesa e di Erg Hydro, ma anche per portare avanti la transizione Green e la digitalizzazione delle reti. 

Presentando il bilancio 2022, Starace stesso ha posto l'accento sulla riduzione del debito, già avviata con un taglio di 9 miliardi nel quarto trimestre dell'anno e con un piano di miglioramento della posizione che ha convinto gli analisti. Un esperto contattato da Affaritaliani.it ha anche scherzato sulla vicenda: "È come se in questo momento a Starace venisse fatto pesare di avere una rata troppo alta del mutuo, ma ci si dimentica che Enel ha guadagnato un sacco di soldi e che quindi quella rata è più che sostenibile". In realtà, ci sono altre due vicende che non sono piaciute del manager: la prima la gestione di Open Fiber.

In quel caso si è accusato Starace di aver tirato troppo sui tempi per la cessione del 50% in capo a Enel, ritardando la possibile rete unica (che però è ancora ben lontana da arrivare), dimenticando che he permesso allo Stato di ottenere una interessante plusvalenza. E poi c'è il dossier Russia: il fratello di Starace, Giorgio, è ambasciatore a Mosca e in molti non hanno apprezzato le sue posizioni troppo morbide all'inizio del conflitto. Visto che la premier ha l'urgenza di mostrarsi "più atlantista degli Usa" è facile pensare che anche questo possa essere un argomento contro il manager.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
descalzienelenigiorgia melonileonardonominestaraceterna





in evidenza
Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor

L'accusa di tradimento è stata la mazzata finale

Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor


motori
Jeep Avenger: 100.000 ordini e nuove versioni ibride

Jeep Avenger: 100.000 ordini e nuove versioni ibride

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.