A- A+
Economia
Scaroni, sul ban del petrolio russo 3 mesi di "molto rumore per nulla"
Angelo Maria Perrino a sinistra, Paolo Scaroni a destra

Scaroni: “Sull’embargo del petrolio molto rumore per nulla”

“Se dovessi riassumere il bando al petrolio russo sviluppato dall’Europa lo farei con una frase: molto rumore per nulla”. Paolo Scaroni, grande manager, ex capo di Eni ed Enel (e attuale presidente del Milan), commenta con Affaritaliani.it a margine del Festival dell'Economia di Trento il risultato del sesto pacchetto di sanzioni che l’Europa ha messo a punto contro la Russia. “Se mi avessero chiesto – ci dice – qual è il provvedimento che si poteva prendere, avrei fatto lo stesso: ban del petrolio via mare, ma non di quello tramite oleodotto, altrimenti l’Ungheria o altri Paesi che non hanno lo sbocco sul mare si ritrovano senza più idrocarburi. Che cosa avrebbero dovuto fare, trasportalo via camion? Invece si è parlato per 2-3 mesi, con un sacco di chiacchiere, e alla fine si è arrivati all’unica soluzione logica”.

“Le sanzioni fanno male a chi le subisce ma anche a chi le commina”

Le sanzioni erano necessarie per punire un Paese che ne ha aggredito un altro. Ma, certo, hanno delle conseguenze anche su chi le ha emesse. “Siamo entrati giustamente in un percorso – aggiunge Scaroni – in cui sappiamo che ci stiamo facendo del male anche noi. Il petrolio è a 120 dollari al barile, andare a colpire il terzo produttore mondiale vuol dire incamminarsi lungo un percorso pericoloso. Questo non vuol dire che sto prendendo una posizione pro-Russia, ma quest’anno il pianeta avrà un consumo record di petrolio, cioè 102 milioni di barili al giorno”. 

Per il manager, la guerra tra Russia e Ucraina ha avuto un impatto notevole ma non è l’unico fattore che ha inciso sulla condizione attuale di tensione energetica. Nel post-Covid, ad esempio, la mobilità è ripartita come e più di prima, con l’impiego di mezzi privati che è nettamente superiore a prima. Non solo: “Le multinazionali dell’energia – chiosa Scaroni – sono state assediate per quattro anni dagli stakeholder che chiedevano di non aumentare le esplorazioni e le trivellazioni, diminuendo così la capacità di produzione. Ma se aumenta la richiesta e noi abbiamo un volume minore, ovviamente i prezzi salgono. E questo a prescindere dal conflitto”.

Festival dell'Economia/ Paolo Scaroni da PerrinoFestival dell'Economia/ Paolo Scaroni intervistato da Angelo Maria Perrino
 

Le rinnovabili non offrono ancora i volumi minimi necessarie

Dal 2004 al 2021, a livello globale, sono stati investiti 3,8 trilioni di dollari, che però rappresentano meno del 3% dei consumi globali. “Prima che si arrivi al 20% - conclude Scaroni – passeranno anni e nel frattempo andremo a petrolio a gogò. Però dobbiamo iniziare a produrlo, altrimenti i prezzi voleranno a 1.000 dollari al barile. Non è uno slogan la sostenibilità, è una necessità. Ma per il momento è una cosa piccola piccola. Inutile che facciamo finta di niente: il petrolio continuerà a essere protagonista”. 

"Felice che si sia chiusa la trattativa per il Milan"

Infine una battuta anche sul Milan. La trattativa che ha portato RedBird all'acquisizione del Milan è ormai arrivata ai dettagli finali. "Sono contento - ha detto Scaroni - che si sia concluso tutto prima dell'inizio del calciomercato". 

 

Leggi anche: 

Covid, "nuove restrizioni non escluse". Ecco quando. Intervista choc

Referendum, "la possibilità di ottenere il quorum è pari allo 0,1%"

Maria Josè Falcicchia prosciolta a Milano: il commento di Bernardini De Pace

Chi è Natasha Bassett? La nuova compagna di Elon Musk - FOTO

Italia ripescata ai Mondiali di calcio: ma... in Qatar a fare cosa?

Tg La7, il servizio non parte e Mentana sbrocca: “Ragazzi por.. tr…”. VIDEO

Bper Banca sostiene i progetti green delle imprese

Intesa Sanpaolo, prestiti a tasso zero per universitari del meridione

BNP Paribas Real Estate, apre al pubblico il giardino storico di Horti

Iscriviti alla newsletter
Tags:
scaroni





in evidenza
La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024

Guarda le foto

La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024


motori
Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.