A- A+
Esteri
Bolivia, minatori sequestrano e uccidono il viceministro dell'Interno

Minatori boliviani in sciopero hanno sequestrato e ucciso il viceministro dell'Interno Rodolfo Illanes. In seguito, la polizia ha arrestato piu' di 100 persone che avevano preso parte alle proteste e ai blocchi nella zona di Panduro, 160 chilometri da La Paz, dove il viceministro si era recato per trattare con loro. Parlando ai media locali, Illanes aveva assicurato di essere in ottime condizioni e "protetto dai miei compagni", ma poco dopo e' stato trovato il suo corpo senza vita.

Il ministro della Difesa Reymi Ferreira ha assicurato in tv che "il governo non lascera' questo crimine impunito". I minatori chiedono piu' concessioni minerarie, norme meno stringenti per il rispetto dell'ambiente, il diritto a lavorare per aziende private e piu' rappresentanza sindacale.

Tags:
bolivia minatori viceministro interno
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Volvo C40 Recharge ispira anche una collezione fashion

Volvo C40 Recharge ispira anche una collezione fashion


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.