A- A+
Esteri
Guerra Russia-Ucraina, Abramovich messaggero tra Putin e Zelensky
Roman Abramovich

Guerra Russia Ucraina, Abramovich è il nuovo mediatore

Roman Abramovich e il nuovo ruolo di operatore di pace nella guerra tra Russia e Ucraina. L'ex proprietario del Chelsea avrebbe viaggiato tra Istanbul, Mosca e Kiev per trasmettere messaggi tra Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky. L’intervento di Abramovich arriva dopo il colpo inferto dalle sanzioni per via della sua vicinanza a Putin: i suoi beni sono stati congelati in tutta la Gran Bretagna e ha dovuto mettere in vendita le proprietà londinesi e la squadra di calcio del Chelsea, riuscendo però a salvare yacht e jet di sua proprietà.

Proprio per via del suo ruolo nei negoziati, Zelensky avrebbe chiesto al presidente Joe Biden di sospendere l'adozione di misure contro l'oligarca. Mercoledì scorso Abramovich ha lasciato l'aeroporto Ataturk di Istanbul su un jet privato Hawker 800XP. Il suo localizzatore di volo si è oscurato vicino alla città di Mineralnye Vody, e l'aereo è risbucato poi fuori dall'aeroporto di Vnukovo a Mosca per poi rientrare nella capitale turca.

L'oligarca era arrivato in aereo per incontrare Putin e consegnargli una nota scritta a mano da Zelensky che delineava le richieste dell'Ucraina per siglare un accordo di pace. Quindi è tornato a Istanbul e si è unito al politico ucraino Rustem Umerov, che si dice agisca come negoziatore di Kiev. Si sono incontrati in un hotel a cinque stelle nella capitale turca, in un incontro organizzato da Ibrahim Kalin, portavoce del presidente Recep Tayyip Erdogan.

Secondo il quotidiano Hurriyet l’accordo sarebbe vicino su questioni chiave come la Nato, la smilitarizzazione e lo status protetto per la lingua russa. Ma ci sono ancora differenze sul futuro della Crimea - che la Russia ha annesso nel 2014 - e del Donbas, che è stato occupato durante l'attuale conflitto. Gli addetti ai lavori sostengono la determinazione di Abramovich nel voler porre fine alla guerra dopo aver visto gli orrori in Ucraina, dove è nata la madre Irina. Nel frattempo in Turchia si stanno svolgendo un'altra serie di negoziati tra i ministri degli Esteri russo e ucraino.

 

Leggi anche: 

" Biden attacca Putin e mette in imbarazzo la Casa Bianca: "Serve la diplomazia"

Ucraina, il Papa: "E' il momento di abolire la guerra dalla storia dell'uomo"

Russia, Turchia attira gli oligarchi: "Qui potrete continuare a fare affari"

Usa, Biden lavora al budget e spunta una minimum tax su più ricchi

Covid, dal 1° aprile stop allo stato di emergenza: le nuove regole

Fedez, il ribaltamento dei valori con la malattia sui social

Papa Francesco denuncia il "martirio" dell'Ucraina. VIDEO

Intesa Sanpaolo: al via i progetti per l’emergenza umanitaria

Ippolita approda in Europa: a Milano uno spazio tra arte e alta gioielleria

Commenti
    Tags:
    abramovichguerra russia ucrainatrattative





    in evidenza
    Annalisa a Le Iene canta il singolo di Sanremo "Sinceramente" e fa impazzire il pubblico

    Guarda il video

    Annalisa a Le Iene canta il singolo di Sanremo "Sinceramente" e fa impazzire il pubblico

    
    in vetrina
    Affari in Rete

    Affari in Rete


    motori
    Opel Astra Sports Tourer Electric: La compagna ideale per ogni viaggio

    Opel Astra Sports Tourer Electric: La compagna ideale per ogni viaggio

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.