A- A+
Esteri
Nato, Svezia e Finlandia protette da giugno. Si studia una formula anti-Putin

Guerra Russia Ucraina, la procedura accelerata che fa infuriare Mosca

La guerra in Ucraina rischia di diventare un conflitto mondiale. I segnali di un'escalation sono molteplici e in pochi cercano realmente di placare gli animi. L'ennesimo episodio è legato alla Nato e al tentativo di accelerare la procedura per annettere all'Alleanza due Paesi strategici per la voglia di espansione di Putin: si tratta di Svezia e Finlandia. Si sta studiando - si legge su Repubblica - un iter che superi la lunga trafila delle ratifiche. E che dia una garanzia immediata di protezione. A cominciare dall’articolo 5, quello della mutua assistenza militare in caso di pericolo. Per la Svezia e la Finlandia la Nato sta dunque studiando una "adesione rapida". Nel percorso che porta all’ingresso nel Patto dei due Paesi scandinavi c’è infatti un "baco". Ossia le ratifiche nazionali. Che impegneranno almeno sei mesi. Un lasso di tempo durante il quale Mosca potrebbe approfittare dell’incertezza e attaccare o provocare i due nuovi membri dell’Alleanza Atlantica.

In particolare la Finlandia che condivide un lunghissimo confine con la Russia. Il nodo - prosegue Repubblica - è da giorni all’esame dello Stato Maggiore di Bruxelles che ha iniziato a prendere in considerazione alcune soluzioni. Il punto è questo: a fine giugno il vertice Nato darà il via libera all’adesione. Da quel momento i 30 attuali partner devono ratificare l’accordo nei rispettivi Parlamenti. Ci vogliono, nel migliore dei casi, 6 mesi. Ma fino a quel momento Svezia e Finlandia sono in un limbo, non sono membri del Patto a tutti gli effetti. Quindi se il Cremlino dovesse muovere un attacco, formalmente non potrebbe scattare l’Articolo 5, che obbliga tutti i componenti a intervenire in difesa dell’alleato sotto un’offensiva militare. L’idea, allora, sarebbe quella di accompagnare il voto del Consiglio Atlantico con una dichiarazione ufficiale e pubblica che parifichi lo status dei due nuovi componenti. E con un impegno dei 30 governi: in caso di pericolo verrebbe chiesta a tutti i Parlamenti una ratifica preferenziale e immediata.

Leggi anche: 

"Cdx unito alle Politiche? Non scontato". Fratelli d'Italia avverte Lega e Fi

Cdx, "Berlusconi e Salvini provano a stare insieme per superare Meloni"

Mps, aumento da almeno 2,5 mld. Così a Siena si aprono nuovi scenari

Terza guerra mondiale? GB: si può colpire suolo russo. Mosca minaccia la Nato

Johnny Depp voleva bruciare viva Amber Heard. “Non è vero: io sono la vittima"

Guerra in Ucraina, caccia russo abbattuto: le immagini spettacolari. VIDEO

Terna, con Tyrrhenian Lab investe sulle competenze del futuro

Caro materiali, Dott.ssa De Sanctis: “Cantieri a rischio fermo totale"

Fondo Impresa Femminile, Giorgetti: "Portiamo avanti le pari opportunità"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guerra russia ucrainaterza guerra mondiale





in evidenza
Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO

Vota il sondaggio di Affari

Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO


in vetrina
Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini

Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini


motori
Fiat consolida la leadership nel mercato Italiano a febbraio

Fiat consolida la leadership nel mercato Italiano a febbraio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.