A- A+
Esteri
Orrore in Iran, bambine avvelenate: "Vogliamo chiudere le scuole femminili"

Centinaia di bambine avvelenate in Iran

Da dicembre dello scorso anno centinaia di bambine sarebbero state avvelenate in Iran, scientemente, con l'obiettivo di far chiudere le scuole femminili. Lo dichiara lo stesso viceministro della Salute, Youness Panahi. Il quale, secondo Bbc Persia, avrebbe ammesso che i prodotti impiegati sono facilmente reperibili e che non si tratterebbe di farmaci per uso militare. A lanciare l'allarme le mamme di alcune bambine che avevano accusato disagi di vario tipo e che erano deperite a vista d'occhio. Secondo Panahi "è emerso che alcuni individui volevano che tutte le scuole, soprattutto quelle femminili, fossero chiuse". Al momento non sarebbero stati annunciati arresti.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bambineiranrepressione





in evidenza
Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

Annuncio col giallo

Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi


in vetrina
Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani

Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani


motori
Lancia torna alla 1000 Miglia con Miki Biasion e l'iconica Aurelia B20 GT

Lancia torna alla 1000 Miglia con Miki Biasion e l'iconica Aurelia B20 GT

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.