A- A+
Green
Cop26: un fallimento annunciato. Tra assenze e lacune, è il solito bla bla bla

Cop26: un fallimento annunciato. Tra assenze e lacune, è il solito bla bla bla

A poche ore dall’inizio della Cop26 di Glasgow, domenica 31 ottobre, i segnali non sono per niente buoni. E non certo da oggi. Quel velo di speranza in una risposta collettiva per salvare il mondo dal climate change, che per un certo periodo aveva iniettato enormi dosi di speranza, sta pian piano andando a perdersi. Quando si era iniziato a parlare di transizione ecologica, si pensava che tutti i Paesi, ma proprio tutti, si sarebbero alleati e avrebbero lavorato insieme contro il “mostro del riscaldamento climatico”. Ma le parole sono state nettamente più grandi dei fatti, come hanno avuto modo di rilevare sia Greta Thunberg che la Regina Elisabetta.

Già a luglio, il ministro per la transizione ecologica Cingolani, in un’intervista a La Stampa, aveva pronunciato la celebre frase: “(La transizione ecologica) potrebbe essere un bagno di sangue”. Ma cosa intendeva esattamente? Come spiegato abbondantemente, per attuare una “transizione ecologica” bisogna effettuare cambiamenti radicali. Tutti insieme. E questi cambiamenti non hanno, e avranno, costi colossali solo in termini di soldi, ma soprattutto di fatica. Perché sono le radicate abitudini della gente e delle imprese che devono cambiare. 

Ma perché la situazione è questa, dunque? Perché tutti, nel senso più generale del termine, non si sono messi a lavoro per supportare questo cambiamento radicale? Anche questo è piuttosto semplice. Il successo della transizione ecologica passa infatti per il dispiacere, rilevante, di categorie dedite alle attività che, appunto, ci hanno messo nei guai di cui stiamo parlando: energie fossili, automobili, agricoltura intensiva, allevamenti industriali. Si tratta di lobby forti e ben rappresentate, che non mancheranno di farsi valere. E questi sono solo gli esempi più comuni.

Ma non è solo questo: manca l’aspetto “reale”, quello che fa capire quanto sia realmente difficile questa transizione “green”. Bisogna considerare, nel nostro caso, il ruolo che il nostro Paese interpreta in questo piano che coinvolge il mondo intero. Anche se ogni singolo cittadino italiano si comportasse solo ed esclusivamente in maniera virtuosa verso l’ambiente, questo non comporterebbe neanche lontanamente la realizzazione degli obiettivi imposti per il 2050. Perché? Semplice. L’Unione Europea compone “solo” il 9% del totale delle emissioni di CO2 prodotte nel globo. Quindi, l’Italia, che cosa può fare da sola? (Quasi) niente. Per arrivare a un vero cambiamento, bisogna che tutti facciano la propria parte. Ogni Paese e ogni Continente deve essere protagonista di questa necessaria Transizione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    bolsonaroclimate changecop26 glasgowgreta thunbergregina elisabettaxi jingping
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.