A- A+
Home
L’ Arabia Saudita regala nuovi diritti alle donne ancora oppresse

Arabia Saudita e diritti umani non sempre, nella storia, si sono incontrati. Anzi sono stati così distanti che il Paese ha ricevuto periodicamente mozioni di censura da molte organizzazioni umanitarie.

Anche se il concetto di normalità di diritti fra uomini e donne è ancora abbastanza complicato il principe ereditario Mohamed bin Salman ha cominciato a portare avanti cambi considerati, da quelle parti, ‘rivoluzionari’.

 

E’ di pochi giorni infatti una nuova legge che permetterà alle donne adulte di avere il passaporto,viaggiare e lavorare senza bisogno di avere il permesso del marito, tutore e padrone, sia esso marito, parente o fratello.

La modifica della legge, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del Paese, è l’ultima dei diritti ottenuti dalle donne saudite. Così come, ad esempio, la possibilità di registrare da sole nascite, matrimoni o divorzi, diritti sempre riservati all’uomo.

Arabia Saudita e diritti delle donne

Altra novità a favore della donna è quella che, da adesso, potranno essere nominate tutrici di un minore.

 

E questa nuova aria di rinnovamento ha toccato pure il mondo del lavoro che ora viene ritenuto ‘un diritto di tutti i cittadini’.

In questa logica nessun imprenditore può’ più discriminare alcun lavoratore in ragione di sesso, età o valore professionale.

A sostenere questo cambiamento del mondo del lavoro vi è anche l’obiettivo di aumentare il numero delle donne impegnate professionalmente con l’obiettivo di alzarlo dall’odierno 22% ad un 33% nel 2030.

 

Anche perché non si scappa dal proprio paese solo perché manca il lavoro, come sta succedendo in Italia, ma si scappa pure perché mancano i diritti umani elementari.

 

E quello che succede nel ricco paese arabo dove molte giovani approfittano di vacanze o di viaggi di lavoro per chiedere asilo in altri Paesi e scappare da famiglie e da uno stato che considerano ultraconservatore.

Arabia Saudita e diritti delle donne

Uno Stato che non permette alla donna di fare un intervento chirurgico, aprire un conto in banca, iscrivere il proprio figlio a scuola o affittare un appartamento senza il permesso del proprio tutore, il mahram.

 

Bin Salman. giovane e cosciente questa criticità, ha più volte sostenuto la volontà di abbassare le restrizioni senza perdere l’identità culturale del Paese ma cercando di essere più vicini ad una cultura globale.

 

E queste novità,ovviamente, sono state apprezzate dal mondo femminile saudita che ha ringraziato  Salman con grandi ‘like’ sui social.

 

Già l’anno scorso fu permesso alle donne di mettersi al volante di un auto, un divieto che aveva portato a continue proteste ed arresti di donne considerate ‘attiviste’.

 

Ma l’altra faccia verso la normalità sta ancora nel gran numero di regole e divieti che ancora rendono l’Arabia Saudita abbastanza lontana dal concetto di Paese liberale.

 

Non bisogna dimenticare che molte di queste donne, considerate attiviste e per questo incarcerate, così come denunciato da molte organizzazioni umanitarie, subiscono molti abusi e persino torture e, ultimo ma non ultimo possibili condanne a venti anni di prigione.

 

Qualcosa su cui il nuovo principe ‘innovatore’ dovrà comunque confrontarsi.

 

 

 

  

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    arabia sauditaprincipe salmanpari opportunità
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.