A- A+
MediaTech
L'informazione malata, oltre il caso Mino Raiola
Mino Raiola

Caso Mino Raiola, un'analisi a freddo sul mondo dell'informazione malata

Mino Raiola è morto”. Lo scoop falso diffuso il 28 aprile, rivelatosi poi purtroppo realtà nei giorni avvenire, è stato l’ennesimo campanello d’allarme per l’informazione in senso lato. Che le fake news siano oramai connaturate al vocabolario comune, presenti anche su testate autorevoli, è una non-notizia. Il vero scoop oramai è diventato l’atteggiamento, quasi rassegnato, dell’audience rispetto alle notizie, spesso sensazionalistiche, che vengono diffuse primariamente online, web o social si tratti. Le radici e le cause di questo inghippo quasi quotidiano, per utilizzare un eufemismo, sono molteplici ma una controtendenza nel mondo dell’informazione è doverosa, soprattutto per il valore sociale di cui è investito (o perlomeno dovrebbe essere).

Non è giusto, o meglio non lo è più, riferirsi al giornalismo in quanto tale perché, bello o brutto che sia, la trasformazione digitale ha modificato il significato originario della professione: parlare di informazione è più appropriato proprio perché i canali di atterraggio dei contenuti di cui ci nutriamo non hanno più dei limiti circoscritti. Oggi, infatti, la tanto vituperata suddivisione tra media “caldi” e media “freddi” di McLuhan non è solo superata è stata ribaltata. Sono cambiati i parametri, le remunerazioni e le modalità di raccoglimento delle stesse, i lettori che non osservano più ma guardano distrattamente, la società stessa.

Il santo e benefico pluralismo dell’informazione è sempre più inquinato dalla voracità della rete e dell’audience che, quasi per paradosso, crede più a chi “arriva prima” di chi “arriva con qualcosa” perché l’abitudine e il diktat è stato questo. Sono stati abituati così e, si sa, la routine è la miglior difesa di qualunque individuo. La credenza secondo cui “sono informato perché conosco prima di altri” sta all’audience come “prima diffondo, più sono autorevole” sta ai mezzi di informazione, quasi per contrappasso. Questo vortice, complice l’evoluzione digitale senza freni, ha surclassato il comparto tradizionale dell’informazione: tutti credono di essere agenzie di stampa con inviati sul posto. Il problema, come fa comodo a molti, non sta solo nel giornalismo partecipativo ma risiede nelle modalità, scusate la bieca espressione, “di fare informazione”.

La verifica delle fonti era, resta e sarà uno dei capisaldi dell’informazione anche se, comprensibilmente, la struttura atta a questi scopi non è più adeguata come un tempo. Lo scoop falso del famoso procuratore Mino Raiola è emblematico di questa tendenza dove nessuno ha più il suo “posto” e l’autorevolezza della notizia si fonda sulla percentuale di volte in cui un medium ha diffuso qualcosa che non è stato disatteso. Appena è stata lanciata la notizia nel giro di pochi minuti qualunque agenzia, testata, sito di informazione l’ha ripresa creando un tunnel dove non si parlava d’altro. La smentita è poi arrivata dalla fonte primaria: niente di più semplice che la famiglia. Errare humanum est, e questo vale da secoli.

L’inversione di rotta e il vero “scoop” però oggi sono l’attesa che non deve, fisiologicamente, essere intesa come il quotidiano in edicola il giorno successivo ma qualche minuto in più. Si pensa di non avere più nemmeno quello ma se si sceglie di “fare informazione” (scusate di nuovo) bisognerebbe pensare alle ripercussioni e agli indirizzi che certe affermazioni possono procurare; magari pensando alle tendenze di successo più in voga, anche tra i giovanissimi, come i podcast: chiarezza, approfondimento e verifica lì funzionano, questione solo di format?

 

 

Leggi anche: 
Sondaggio elezioni, Letta fa il miracolo? Il Pd perde comunque. I risultati
Pd, Misiani: "La priorità assoluta è rispettare il patto con l'Ue"
Berlusconi lucido su Ucraina e Russia. Un vero leader occidentale
Fugge con la rifugiata, parla la moglie. "Voleva mio marito e se lo è preso"
Giletti: "Moretti mi ama (lei lo denuncia). Floris uomo di potere come Vespa"
Carlos Alcarez punta al Roland-Garros. Il 19enne scala il tennis mondiale
Ucraina, Letta: "Pace non si ottiene inginocchiandosi davanti a Putin". VIDEO
CDP, condotta analisi sulla sicurezza energetica italiana
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni
Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    fake newsgiornalismomino raiola





    in evidenza
    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    Guarda le foto

    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

    BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.