A- A+
Il Sociale
Livorno, i richiedenti asilo diventano riparatori di biciclette

Richiedenti asilo e operatori di Arci Solidarietà insieme per riparare le biciclette vecchie e non più utilizzabili. E’ il progetto della CiclOfficina a cura di Arci Solidarietà Livorno e promossa dal Comune di Livorno all'interno del Tavolo Giovani. L'inaugurazione dell'officina è prevista per venerdì 27 gennaio alle ore 12, in Piazza Garibaldi 24.

L'ottica con cui è nato questo progetto è quella dell'inclusione, delle persone e dei materiali, niente è abbandonato, niente è senza speranza, niente è rifiutato, ma a tutto e a tutti è data una possibilità creativa nuova, un foglio bianco su cui scrivere una storia pronta a cominciare. I giovani richiedenti asilo lavoreranno solo con materiali usati donati liberamente da chi vorrà contribuire a questo progetto e le nuove biciclette che saranno prodotte, saranno vendute con un'asta pubblica a prezzi popolari, una volta al mese. L'intero ricavato delle aste popolari della CiclOfficina sarà destinato al mantenimento dell'attività stessa e non avrà fini di lucro.

Fonte: Redattore Sociale

Iscriviti alla newsletter
Tags:
richiedenti asilolivorno riparatori biciclette
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Toyota presenta la nuova Corolla Cross


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.