A- A+
Sport
Come sarà la Juve di Scanavino. Limiti a stipendi e poteri speciali...
Maurizio Scanavino (foto Imagoeconomica)

Le certezze ad oggi sono legate a pochi nomi: Massimiliano Allegri per quanto riguarda il campo


Una Juventus tutta da ricostruire. L'ormai ex CdA si è dimesso il 28 novembre e quello nuovo è in fase di formazione. Annuncio previsto nei prossimi giorni, a cavallo di Natale, con il 18 gennaio come data di elezione da parte dall’assemblea degli azionisti. Le certezze ad oggi sono legate a pochi nomi: Massimiliano Allegri per quanto riguarda il campo, con il supporto di Federico Cherubini, Gianluca Ferrero nel ruolo di Presidente e Maurizio Scanavino, nominato nuovo direttore generale dopo le dimissioni, come figura di controllo e gestione di tanti e diversi aspetti. Quali?

Rappresentanza, marketing, sponsor, contenziosi legali e anche il mercato. In un passaggio del documento riportato da Calcio&Finanza e ripreso www.ilbianconero.com, che riporta alcuni dettagli del contratto e soprattutto i compiti di Scanavino, infatti vengono definiti con assoluta precisione i parametri di azione e le possibilità di gestione del dg. Nel dettaglio, lui potrà “acquistare e cedere, a titolo definitivo o temporaneo, contratti aventi ad oggetto le prestazioni sportive di calciatori e calciatrici entro il limite massimo di euro 25.000.000 con firma singola ed entro il limite massimo di euro 75.000.000 con firma abbinata all’amministratore delegato”. Potrà anche “stipulare e risolvere contratti per la costituzione di rapporti aventi ad oggetto le prestazioni sportive dei calciatori e delle calciatrici entro il limite massimo di euro 25.000.000 con firma singola ed entro il limite massimo di euro 75.000.000 con firma abbinata all’amministratore delegato”.

E, infine, avrà modo di operare anche sul tema stipendi, con parametri ben chiari, in quanto potrà "stipulare e risolvere contratti per la costituzione di rapporti aventi ad oggetto le prestazioni sportive di allenatori e tecnici entro il limite massimo di euro 10.000.000 annui con firma singola ed entro il limite massimo di euro 75.000.000 con firma abbinata all’amministratore delegato”. Riassumendo, quindi, la Juve pone dei paletti chiari sul mercato: colpi possibili sotto i 75 milioni di euro e ingaggi al di sotto dei 10 milioni annui per i nuovi acquisti. Tetto massimo sottolineato in un momento in cui è necessario far quadrare i conti e riportare il club a una gestione sostenibile.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
nuova juventus come cambia




in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.