I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
L’importanza di un ambiente sano in cui praticare attività sportiva

Sempre più spesso si sente parlare di Indoor Air Quality (IAQ), cioè la qualità dell'aria che respiriamo nelle nostre case, nei nostri luoghi di lavoro, ma anche nelle strutture turistico recettive, centri sportivi. Passando la maggior parte del nostro tempo in questi luoghi diventa molto importante il controllo di quelle condizioni che possono portare ad un aumento di elementi che possono andare ad influenzare negativamente questo aspetto.

Sick Building Syndrome

I contaminanti aerodispersi presenti negli ambienti chiusi sono stati da tempo associati sia ad insorgenza di sintomatologia acuta aspecifica nota con il termine di Sick Building Syndrome (caratterizzata da insorgenza di mal di testa e astenia, sintomi irritativi a carico delle vie respiratorie, degli occhi, della cute che si risolvono con l’allontanamento dall’edificio) sia a patologie note con il termine Building Related Illness: comprendono quadri patologici specifici, caratterizzati da una specifica etiologia (agente biologico o fisico o chimico).

Gli effetti negativi

Solitamente interessano una quota limitata degli occupanti di un determinato edificio e gli effetti sono a carico di:
• apparato respiratorio
• apparato cardiovascolare
• cute e mucose esposte
• sistema nervoso
• sistema immunologico.

Cause di contaminazione

Ma quali sono le cause che possono portare a questo?
• scarse condizioni igieniche;
• sovraffollamento dei locali;
• errori di progettazione e/o installazione degli impianti di trattamento dell’aria (impianti aeraulici), che non consentono una idonea pulizia e manutenzione degli stessi. 

In questi casi gli impianti possono causare la diffusione di numerosi inquinanti, provenienti dall’esterno o dall’interno, derivanti da residui di materiali da costruzione, da resti di origine vegetale e animale (piccioni, topi, insetti) o da muffe e batteri che possono contaminare l’acqua e le superfici all’interno degli impianti aeraulici.

Ma in palestra cosa possiamo trovare?

Come in tutti i luoghi affollati, se dovessimo analizzare l’aria che respiriamo e le superfici con cui entriamo in contatto potremmo vedere polvere, batteri, virus, muffe e tante altre particelle invisibili all’occhio umano. A differenza dello sporco grossolano, che possiamo vedere e verificare con i nostri occhi, molte delle particelle in sospensione non sono visibili e occorrono particolari metodi e strumenti di rilevazione. Ma quali sono queste particelle? Partiamo da quelle componenti che vengono a crearsi dall’uso di prodotti che quotidianamente siamo portati ad avere ed utilizzare, come i deodoranti e i profumi, i detergenti, i disinfettanti, le vernici o gli smalti per esempio che creano i cosi detti VOC, i Composti Organici Volatili.

composti volatili
Oltre a questi troviamo i contaminanti microbiologici, composti da batteri, virus, muffe e spore. La contaminazione microbica degli ambienti indoor è comune ed è in grado di causare infezioni a carico delle vie aeree soprattutto nei soggetti suscettibili. I più suscettibili sono: bambini, anziani, immunodepressi, malati cronici, fumatori, etc., nei quali si realizzano più facilmente quelle condizioni che portano all’insorgenza del processo patologico.

Kiara Fontanesi, Campionessa Mondiale di Motocross

moto

La via di trasmissione più comune è quella aerea, da persona a persona o da sorgente a persona.

Ed è per questo che Kiara Fontanesi, orgoglio italiano di Motocross e Campionessa Mondiale per ben 6 volte ha deciso di garantire la salubrità ambientale della sua KF8 MX Training di Porto Taro a Parma, struttura che ha lo scopo di avvicinare i giovani dai 5 anni, ma anche gli adulti, al mondo del Motocross (nella foto l'apparecchiatura di sanificazione di Techno Earth in funzione).

Techno Earth Biosolution

Il partner al quale ha affidato questo compito è Techno Earth Biosolution: una nuova realtà che nasce dalla pluriennale esperienza convergente di Imprenditori, Biotecnologi, Tecnici e Medici, che hanno investito competenze, tempo, risorse ed entusiasmo nella Ricerca e Sviluppo di nuove tecnologie per la Biosicurezza e la Disinfezione ambientale, lavorando a stretto contatto con Università italiane e straniere, per studiare e verificare al meglio metodi e risultati. Il tutto in sinergia con Scuole di Formazione professionale, riviste scientifiche e divulgative e Associazioni di Professionisti, che hanno ottenuto il Patrocinio di prestigiose realtà accademiche internazionali.
La missione di Techno Earth consiste nel poter mettere a disposizione di Istituzioni e aziende, pubbliche e private, una vasta gamma di servizi complementari e integrati di altissimo profilo, finalizzati alla gestione del rischio microbiologico negli ambienti indoor, nel pieno rispetto della Natura, utilizzando prodotti completamente biodegradabili, con impatto ambientale nullo, ed evolute apparecchiature, certificate a livello internazionale in termini di efficacia e sicurezza, utilizzabili da Personale specializzato, adeguatamente formato in base alle normative vigenti.
Seguiti dal Dott. Andrea Miano, Direttore Scientifico di TEB, verranno creati protocolli ad Hoc per garantire la sicurezza per una corretta sanificazione e disinfezione delle superfici, ma anche per migliorare la qualità dell’aria ambientale, di tutti coloro che vorranno approcciare a questa esperienza. Ogni intervento di Techno Earth è completato dalla certificazione tecnico-scientifica necessaria.

ULTRA NANO 801

La macchina più performante di Techno Earth, che, utilizzando liquido a base di perossido di idrogeno, permette non solo il trattamento ambientale, ma anche quello delle UTA e delle canalizzazioni. Con una sola macchina abbiamo la capacità di sanificare 20.000m3 ogni ora, rendendo il service veloce ed altamente efficiente.
ultra nano 801

 

Dimensioni: 48 x 49 x 33 cmPeso: 19 kgAlimentazione: 220-230 v 50-50 hz
Capacità: 3l + ricarica automatica
Sistema di controllo: Siemens
Volume d’aria: 106cfm
Dimensione particelle di spruzzo: 0.0004 micron-1 micron
Temperatura di esercizio: 8°-50° celsiusT
empo max di esecuzione singola: 4h
Volume massimo di spruzzo: 4l/h
Velocità di spruzzo: 37m/s

TECHNO EARTH BIOSOLUTIONS S.R.L
Principato di Monaco - Boulevard d’Italie 44 - 8000 Monaco
Italia - Via delle Betulle 216 - 11100 Aosta (Ao) 
CF e P. IVA 01253550071
mail : info@technoearthbiosolutions.com - web : www.technoearthbiosolutions.com
Commenti
    Tags:
    ambiente sanoattività sportivaindoor air qualitykiara fontanesimelottotechno earth biosolutionscontaminazione microbica
    in evidenza
    Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

    Foto mozzafiato della soubrette

    Wanda Nara, perizoma e bikini
    Lady Icardi è la regina dell'estate

    i più visti
    in vetrina
    Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

    Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena


    casa, immobiliare
    motori
    BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3

    BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.