A- A+
Costume
La Costiera Amalfitana e il Sentiero degli Dei
Positano

Tra mito e realtà

Coltivazioni di vigneti e frutteti, giardini di limoni che  punteggiano di giallo il verde cupo del fogliame e spiccano sull’acqua del mare color turchino, indaco e smeraldo.

Si rischia di diventare retorici descrivendo la Costiera Amalfitana, un breve tratto di costa a ovest di Salerno,  tra Positano e Amalfi, patrimonio Unesco dal 1997. Se tutta l’Italia è un paradiso spettacolare, qualche luogo è più paradisiaco di altri e, bisogna ammetterlo, rende la nostra penisola  una delle attrazioni mondiali. Anche gli  stranieri, antichi e moderni, sono rimasti incantati da questi panorami, celebrandoli in tutti i modi.

La Costiera, dunque, frastagliata sul mare e sospesa nella falesia scoscesa dei Monti Lattari, sembra disegnata da un pittore capriccioso. Sarà merito di un pittore, sarà merito di un dio distratto, la Costiera merita davvero l’aggettivo “divina”. E davvero può esistere  qui  un Sentiero degli Dei.

costiera sentiero degli dei pSentiero degli dei
 

La leggenda vuole che gli scogli al largo fossero abitati dalle Sirene incantatrici a cui Ulisse sfuggì, soccorso dagli dei del luogo. E a loro è dedicato da sempre questo sentiero che si snoda a mezza costa da Agerola a Nocelle, una frazione alta di Positano. In una passeggiata relativamente facile si godono panorami infiniti che, procedendo da est ad ovest, scoprono in basso i profili della costa, la verticalità spettacolare di Positano, la lunga penisola sorrentina adagiata fino a sfiorare lo splendore di Capri. E nel percorso tutto allude al “paradiso”, dalla vegetazione spontanea alle erbe profumate.

Se nel mito gli Dei avevano aiutato Ulisse, nella modernità sembrano portare in un’altra dimensione: come aveva scritto  David Herbert Lawrence, visitando questi luoghi,  “si riscopre qui un io diverso, mediterraneo e ancestrale”.

SENTIERO DEGLI DEI 4Sentiero degli dei
 

Il panorama mozzafiato prosegue fino a Positano, pittoresco, coloratissimo, invitante. Da qui, se non si vuole affrontare una risalita di 1700  gradini per tornare in quota (salita che anni fa era l’abitudine quotidiana degli abitanti del posto, per portare cibo  e merci), la soluzione ideale è prendere una barca e tornare via mare ad Amalfi. Fatica risparmiata e nuova spettacolare vista sulla Costiera dal mare.

Il Sentiero degli Dei vale da solo  un viaggio in questo frammento di terra campana. Ma l’entroterra riserva altre sorprese. A cominciare da Agerola, punto di partenza  del  famoso Sentiero. Situata a 600 metri di altezza, Agerola è il paese più alto della Costiera, all’interno del Parco Regionale dei Monti Lattari.

Un piccolo territorio suddiviso in tante frazioni, come accade spesso nei borghi montani. Così anche visitare Agerola è un’avventura, con lunghe passeggiate che si snodano tra i monti e il mare. A parte il paesaggio, che invita a percorsi meditativi, Agerola ha anche una realtà di grande effetto nelle architetture.  Tra tutte spicca il Palazzo Acampora, nobilissimo e imponente, affascinante Residenza Storica della seconda metà del Settecento. Oggi è sede di un prestigioso ristorante, la Corte degli Dei, ma due secoli fa è stato  protagonista di una tragica storia di amore e morte.

sentiero degli dei 2Sentiero degli dei
 

Il potente generale Avitabile, vicerè del Regno di Napoli, fu avvelenato dalla moglie e dal suo giovane amante don Luigi Acampora dei principi di Corfù. Così finì il valoroso generale di cui Agerola conserva la tomba e il palazzo vide il fiorire della famiglia Acampora, una delle più influenti durante il Regno d’Italia.

A palazzo furono ricevuti personaggi famosi della cultura e della politica, come Cilea ed Enrico De Nicola, accolti come ospiti dagli Acampora e Agerola divenne una meta di villeggiatura e turismo ricercato. A partire da questa illustre tradizione, si spiega il recentissimo recupero di un grande edificio nato come Colonia Montana  nel ventennio, che oggi gode nuova vita. Infatti nel 2019 è diventato Campus “Principe di Napoli”, Università gastronomica e Centro di Alta formazione e specializzazione nel campo dell’enogastronomia e del turismo.

AGEROLA PALAZZO ACAMPORAAgerola, Palazzo Acampora
 

Immerso in un parco di 25.000 metri quadri e in una cornice mozzafiato a strapiombo sulla Costiera, il Campus è il luogo perfetto per  formare la nuova classe di dirigenti della gastronomia sotto la guida dello chef  tristellato Heinz Beck. Che ricorda come “l’Italia abbia un grande potenziale inespresso nei settori del turismo e della gastronomia.”  E i corsi presso il Campus contribuiranno a valorizzare i prodotti tipici del territorio, conservati intatti anche per merito delle difficoltà di collegamento e l’isolamento dei piccoli borghi.

Il provolone del monaco, ad esempio, riconosciuto  D.O.P. da parte della Commissione europea, che deriva il nome dal mantello/saio con cui si coprivano i casari per proteggersi dal freddo e dall'umidità: un formaggio duro, di  latte crudo, prodotto con una determinata percentuale di latte di vacche di razza Agerolese.

Come da non perdere è anche il tarallo agerolese, ottenuto con farina, acqua, sale e “criscito” ( lievito naturale ). Caratteristica principale è la doppia cottura che lo rende facilmente digeribile, delicato e neutro, adatto come sostituto del pane.

agerola prodotti gastronomici p
 

Leggi anche: 

" Torna l'allarme sul debito pubblico: tassi a rischio col "metodo Draghi"

Riforma Csm, nessuna rivoluzione copernicana, ma...

Csm, la posizione della Lega: “Pochi emendamenti ma indispensabili"

Pasqua in Ucraina, la testimonianza dei City Angels: "Racconti da brividi"

Russia, minuti contati per il default: restano solo 50 miliardi di riserve

Baby gang picchia e butta in un cassonetto un anziano

Guerra in Ucraina, l'altra verità: VIDEO

Axpo, al via la joint venture per lo sviluppo delle rinnovabili

Philips, Andrea Celli è il nuovo Managing Director in IIG

Costa Deliziosa, inaugurata oggi la stagione crocieristica a Bari

Iscriviti alla newsletter
Tags:
costiera amalfitanaturismoviaggi





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.