A- A+
Economia
Russia, minuti contati per il default: restano solo 50 miliardi di riserve

Guerra Russia Ucraina, la durata dipenderà da quanto terrà l’economia reale e se non saranno ridotte le entrate provenienti da gas e petrolio

Mentre il presidente russo Vladimir Putin rassicura la Russia sul fronte economico, tenendo a bada le voci su un'inflazione alle stelle, con il rublo che torna ai livelli pre guerra, la governatrice della Banca centrale Nabiullina si defila, e nonostante il fallimento del “blitzkrieg economico” dell'Occidente, così definito da Putin, spiega che “l'economia russa "non può sopravvivere indefinitamente con le sue riserve finanziarie e dovrà trasformarsi per affrontare l'impatto delle sanzioni internazionali". Nabiullina ha sottolineato che ci vorrà fino al 2024 per riportare l'inflazione al suo obiettivo del 4%. E già nel secondo e terzo trimestre inizierà un periodo di trasformazione strutturale e di "ricerca di nuovi modelli di business".

In questo quadro se da una parte è vero che l'obiettivo di ridurre il rublo in carta straccia non è riuscito, grazie alla strategia della governatrice della Banca centrale, dall'altro è altresì vero che le riserve si stanno esaurendo, e potrebbero durare ancora per pochi mesi, sempre che non cambieranno le entrate russe per gas e petrolio, su cui punteranno le nuove sanzioni europee.

Secondo infatti quanto riportato dal Corriere della Sera, che ha recuperato un vecchio grafico che la Banca centrale russa ha rimosso dal web, ma che è stato recuperato dal sito statista, al 30 giugno 2021 il totale delle riserve ammonta a un controvalore di 591 miliardi di dollari, così ripartite: "il 13,8%, cioè ben 81,5 miliardi di dollari, si trova nelle banche cinesi; il 12,2%, cioè 72,1 miliardi, in Francia; il 10%, 59,1 miliardi, in Giappone; il 9,5%, 56,1 miliardi, in Germania; il 6,6%, 39 miliardi, negli Stati Uniti; il 5,5%, 32,5 miliardi, nelle Istituzioni multilaterali, come il Fondo monetario e la Banca dei Regolamenti internazionali, infine il 4,5%, 26,5 miliardi, nel Regno Unito". 

Se da una parte "Stati Uniti, Unione europea, Regno Unito e Giappone puntano a chiudere tutti i conti della Banca centrale all’estero", dall'altra Mosca, però, "potrebbe sempre contare, come minimo, sul salvadanaio cinese. Lì il 30 giugno era depositato l’equivalente di 81,5 miliardi di dollari". 

A questo punto il quotidiano di via Solferino tenta di fare una stima e spiega: "E' ragionevole supporre che la Banca centrale russa avesse la stessa proporzione nelle diversificazione del portafoglio anche il 25 febbraio scorso. La quota cinese sarebbe stata pari allora a 88 miliardi, il  13,8% di 643,2 miliardi. Immaginiamo anche che i russi abbiano attinto solo a quei conti per sostenere il rublo, spendendo 38,8 miliardi. Ciò vuol dire che oggi avrebbe ancora l’equivalente di circa 50 miliardi di dollari da usare pronta cassa per fronteggiare un’altra crisi monetaria come quella di fine febbraio. Mosca, quindi, potrebbe essere in grado di sostenere la quotazione del rublo ancora per pochi mesi. Quanti? Dipende da quanto terrà l’economia reale e se non saranno ridotte le entrate provenienti da gas e petrolio". 

Leggi anche: 
"Ucraina, la verità della CIA: non ci sono prove che la Russia usi il nucleare
Borghi (Lega): "Scostamento di bilancio da 20 miliardi entro fine maggio"
Giorgia Meloni leader piace anche a sinistra?
Ascolti tv: Milo Infante vola con Ore 14 e si pensa alla prima serata
Made in Sud, Clementino-Lorella Boccia. "Gli ruberei i tatuaggi.. lo la classe". L'intervista doppia
Mourinho depone fiori sotto il murales di Maradona a Napoli. VIDEO
Acqua Sant’Anna, inserita tra le top 500 aziende
NTT DATA, insieme a Pirelli per la mobilità sostenibile
SEA, 100% business class per il volo La Compagnie diretto a NY
Commenti
    Tags:
    defaultrussia




    
    in evidenza
    Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

    L'annuncio a sorpresa

    Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


    motori
    La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

    La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.