A- A+
Culture
Wondy e Alessandro Milan, un libro per un amore infinito

Quando nel dicembre del 2016 Francesca Del Rosso ha perso la sua battaglia contro il tumore, il marito Alessandro Milan, giornalista come lei, l'ha salutata con una lunghissima lettera. Parole intense, pubblicate in

rete, che raccontavano di un legame che non si sarebbe interrotto nemmeno con quel 'trasloco' forzato di Francesca in un'altra dimensione, lontana dai suoi figli, dal suo lavoro e dall'amore di una vita. E poi c'era una frase, l'ultima, che diceva che questa coppia la battaglia l'aveva vinta: "Mi vivi dentro".

Quella frase è diventata il titolo del libro che Alessandro Milan ha pubblicato con DeA Planeta (in libreria dal 27 febbraio) per raccontare il suo incontro con Francesca, per tutti 'Wondy' da Wonder Woman.Alessandro e Francesca si sono visti per la prima volta una mattina alle 6, in radio. Complici il sonno, la fretta, le tante cose da dirsi nel cambio di turno, si sono scambiati per errore i cellulari. Qualche ora più tardi si sono incontrati di nuovo. Da un dialogo quasi surreale è nato un invito al cinema, poi a una mostra, un aperitivo, una gita in montagna. Francesca è bassina, impertinente, ha i capelli biondi arruffati e due occhioni blu. Alessandro è scherzoso e un po' goffo, si lascia travolgere dall'energia inesauribile di Wondy e dall'amore che presto li lega. Con lei, giorno dopo giorno impara a vivere pienamente ogni emozione, a non arretrare di fronte alle difficoltà. E così, insieme, con una forza di volontà che somiglia a un superpotere, si troveranno a combattere la più terribile delle battaglie, quella che non si può vincere.
 

francesca del rossoFrancesca Del Rosso
Ma anche dopo la morte sono tante le cose che restano: due figli, un gatto, un bonsai, tanti amici e, soprattutto, una straordinaria capacità di assorbire gli urti senza rompersi mai. Anzi, guardando sempre avanti, col sorriso sulle labbra. Una capacità che Francesca, nel 2014, dopo aver vinto un primo round contro il tumore, ha voluto descrivere in un romanzo. E che Alessandro ha trasferito nel libro in cui racconta il suo percorso con Wondy: non è una favola ma un inno alla resilienza, quella da esercitare quotidianamente. Perché le storie più belle semplicemente non finiscono.Alessandro Milan presenterà il volume con il direttore di 'Oggi' Umberto Brindani, la conduttrice de 'Le Iene' Nadia Toffa e con Gioele Dix lunedì 26 febbraio alle ore 21 al Teatro Dal Verme a Milano e mercoledì 28 febbraio alle 18 alla libreria Ibs+Libraccio a Roma.

Wondy e Alessandro, una storia d'amore infinita - In libreria MI VIVI DENTRO di Alessandro Milan



 

Mi vivi dentro
 

DeA

Dalla lettera d'amore che ha commosso il web, con oltre 7 milioni di visualizzazioni, il racconto intenso e toccante di Wondy e Alessandro: una storia piena di amore, di speranza, di attaccamento alla vita, un inno alla resilienza.

"Mi vivi dentro è una storia d’amore in cui è facile riconoscersi. Perché è una storia normale. Interrotta troppo presto. Dall’«evento» che non avevi pianificato, sempre che la vita si possa programmare."
Carlo Baroni, Corriere della Sera

Alessandro MILAN

MI VIVI DENTRO
MILANO - 26 febbraio ore 21 presso il Teatro Dal Verme
ROMA - 28 febbraio ore 18.30 presso la libreria Ibs+Libraccio

Data di uscita: 27 febbraio
pp. 260 – euro 17.00

Tutto comincia alle sei di mattina, in radio, dove due giornalisti assonnati si danno il turno. Lui sta cercando di svegliarsi con un caffè, lei sta correndo a casa dopo aver lavorato tutta la notte. E succede che nella fretta i due scambiano per errore i loro cellulari. Si rivedono qualche ora più tardi e da un dialogo quasi surreale nasce un invito al cinema, poi a una mostra, un aperitivo, una gita in montagna. Francesca è bassina, impertinente, ha i capelli biondi arruffati e due occhioni blu che illuminano il mondo. È una forza della natura, sempre in movimento, sempre allegra: per questo la chiamano Wondy, da Wonder Woman. Alessandro è scherzoso e un po’ goffo, si lascia travolgere da Francesca e dall’amore che presto li lega. Con lei, giorno dopo giorno impara a vivere pienamente ogni emozione, a non arretrare di fronte alle difficoltà. E così, insieme, con una forza di volontà che somiglia a un superpotere, si troveranno a combattere la più terribile delle battaglie, quella che non si può vincere. Ma anche dopo la morte sono tante le cose che restano: due figli, un gatto, un bonsai, tanti amici e, soprattutto, una straordinaria capacità di assorbire gli urti senza rompersi mai. Anzi, guardando sempre avanti, col sorriso sulle labbra. Non è una favola, quella di Alessandro e di Wondy. È però una storia piena di speranza, di amore, di attaccamento alla vita; un inno alla resilienza, quella da esercitare quotidianamente. Perché le storie più belle non hanno il lieto fine: semplicemente non finiscono.

Alessandro MILAN (Sesto San Giovanni, 1970) lavora come giornalista da quasi venti anni a Radio24, dove conduce programmi di approfondimento. È presidente dell’associazione “Wondy Sono Io”, impegnata nella diffusione della cultura della resilienza.
 
wondysonoio.org
#MiViviDentro

Tags:
wondy alessandro milan
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.