A- A+
Economia
Rischiamo la Terza Guerra Mondiale? Sì, ma cibernetica. PMI italiane a rischio

Ucraina: c'è il rischio di una "Cyber Storm" Globale

Un recente report del F.B.I sul Cyber Crime ha identificato l’Italia come paese tra quelli a più alta rischiosità di hackeraggi aziendali e il precipitare della situazione in Ucraina "rende incandescente questa allerta”, spiega Andrea Marchi, esperto di cybersecurity di Rödl & Partner, colosso della consulenza presente in 48 paesi nel mondo tra cui l’Italia. “E’ fattuale che le guerre moderne sono tutt’altro che convenzionali – spiega l’esperto di Rodl & Partner – bensi, al di là di uomini e mezzi schierati, esse si caratterizzino sempre più come attacchi hacker verso obiettivi sensibili o essenziali, interrompendo servizi chiave come per esempio l’approvvigionamento energetico o le telecomunicazioni per seminare caos. E in questo contesto – continua Andrea Marchi - è ragionevole supporre che hacker, organizzazioni pirata e quant’altro vogliano approfittare della situazione per compiere le loro incursioni illegali, generalmente con finalità ‘economiche’, cioè per sottrarre informazioni utili per essere vendute o per ricattare in cambio di denaro.”

Perchè l'Italia è particolarmente esposta?

E l’Italia, il cui tessuto produttivo e industriale è composto al 90% da piccole e medie imprese, che certamente non possono permettersi enormi budget a difesa dei propri server, sia un bersaglio idealmente facile, tanto che la stessa FBI l’ha posta in cima alle classifiche di rischiosità hacker, già prima della crisi ucraino-sovietica. Preoccupazione peraltro ribadita nelle scorse ore dall’ACN – Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale. “Uno scenario realistico, potrebbe essere quello di assistere a una cyber-storm, ovvero una cyber-tempesta – spiega l’esperto di cybersecurity di Rödl & Partner – di attacchi e frodi informatiche che rischia di abbattersi a cascata sulle aziende italiane, in particolare le piccole e medie imprese, informaticamente più vulnerabili.”

Alcune misure per proteggersi. Ma il rischio zero non esiste

“Ricordiamoci che il rischio zero non esiste – continua l’esperto di cybersecurity di Rödl & Partner – quello che si può fare è minimizzare l’impatto con una strategia di difesa della sicurezza delle informazioni che deve basarsi su tre pilastri, ovvero tecnologie, processi e persone. Che in concreto si traduce nell’adozione di tecnologie di autenticazione multi fattore dove l’autorizzazione all’accesso viene consentita solo dopo aver presentato due o più prove di autenticazione a conferma della propria identità, nell’impiego di tecniche di cifratura dei dati ‘a riposo’ che in caso di intrusioni o attacchi, preservano la confidenzialità dell’informazione se non si possiede la chiave di decifratura e nell’utilizzo del modello di sicurezza “Zero Trust”, modello che prevede una rigorosa verifica dell'identità di ogni utente e dispositivo che cerca di accedere alle risorse tecnologiche e ai dati dell’organizzazione.”

 

Leggi anche:

 

Ucraina, Usa: offensiva russa in 48 ore. Attacco hacker a siti governativi

Cybersecurity: il 64% delle aziende vittima di attacchi

Bollette, Tabarelli (Nomisma Energia): "Rincari come negli ultimi trimestri"

Guerra Ucraina, Borse europee in forte calo. Petrolio sopra 100 dollari

Guerra Ucraina, balzo dei prezzi di grano e mais. Effetto su pane e pasta

 

Commenti
    Tags:
    rischiamo la terza guerra mondiale? cyber crime




    
    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...


    motori
    Free2move rilancia la gestione delle flotte commerciali

    Free2move rilancia la gestione delle flotte commerciali

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.