A- A+
Esteri
Guerra, 29 chef ucraini trasformano ristoranti stellati in rifugi e mense
Ievgen Klopotenko (Lapresse)

Guerra Russia Ucraina: ristoranti stellati trasformati in rifugi e mense. La resistenza di 29 chef ucraini

Un “Manifesto della Cucina Ucraina”. È stato sottoscritto lo scorso 7 febbraio da 29 tra i più importanti chef del Paese del presidente Zalensky, l’Ucraina dal 24 dello stesso mese costretta a difendersi dall'invasione russa. Alla guerra dichiarata da Putin mancavano ancora poco più di due settimane. Una mossa, quella del “Manifesto”, ispirata alla preveggenza di Maryana Oleskiv, direttrice del Dart, l’Agenzia statale per lo sviluppo turistico, che ha promosso l’appello: “Vogliamo che la cucina ucraina appaia sulla mappa culinaria del mondo. Pertanto, in questa fase è importante unire l’ambiente degli chef ucraini, svilupparlo e promuoverlo insieme”, si legge in un inedito servizio che appare sul Gambero Rosso.

Ma a catalizzare l’attenzione è stato soprattutto Ievgen Klopotenko, un giovane chef ucraino trentaseienne, comproprietario del ristorante “100 rokiv tomu vpered”, autore di libri di cucina e attivista sociale. Ora si legge: “A distanza di un mese, i 29 chef hanno chiuso i propri ristoranti, trasformandoli in rifugi e mense per tutti i civili, inclusi anche i volontari che si stanno aggregando all’esercito”.

Manifesto della Cucina Ucraina, i 10 punti

Quanto al “Manifesto” sottoscritto dai 29 chef, è suddiviso in dieci punti, in testa ai quali c’è scritto: “Definiamo la cucina ucraina come una parte indivisibile dell’identità nazionale, una componente della cultura e dello stile di vita ucraino” che “si basa su piatti tradizionali, ma non sulla modernità”, si legge al punto numero uno, perché “siamo una nuova generazione di chef ucraini e abbiamo qualcosa da dire”.

Gli chef si esprimono attraverso “i prodotti locali, che sono infusi nella caratteristica terra nera di Chernozem, prodotti di qualità, rispettosi dell’ambiente e dell’ecologia” per questo “usiamo prodotti ucraini e sulla loro base creiamo piatti sia a livello di fine dining, sia di comfort e street food”, si può leggere al punto due. Per questo motivo “sosteniamo l’artigianato e le fattorie private, che si pongono l’obiettivo di coltivare prodotti biologici e rispettosi dell’ambiente” e perciò, anche, “siamo solidali con i valori di tutti gli ucraini, ma siamo determinati a creare un nuovo, unico percorso gastronomico ucraino”, quindi “crediamo che l’Ucraina abbia bisogno di raccontare la sua storia non comune al mondo della gastronomia, a partire dalla lotta per la libertà e l’indipendenza, l’autodenuncia e il ritorno alle fonti storiche, dalla storia dell’integrazione dei sapori, l’identità di ogni regione e la loro sinergia”, recitano alcuni passaggi dei punti 3, 4 e 5.

Leggi anche: 

" Salvini: "Solo una squadra unita può aiutare gli Italiani a risollevarsi"

Sondaggio, Xi è il leader mondiale più influente. Secondo Biden, Draghi flop

Carburanti, c'è dietro il reato di aggiotaggio? Qualcosa non torna

Russia, Putin ha i giorni contati. Fine vicina (rischia di essere assassinato)

Guerra Ucraina? Quello che i media non dicono nel film di Stone del 2016

Putin, analisi lucidissima. Il discorso del 2011 che inchioda la Nato

Nozze "simboliche" per Berlusconi e Fascina, il momento del taglio della torta. VIDEO

Intesa Sanpaolo per l'inclusione delle persone con disabilità

FS Italiane, accordo con AdR per l'intermodalità sostenibile

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

    Guarda le foto

    Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

    Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.