A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, Mosca minaccia nucleare e pena di morte. Fuga dei russi

Guerra Ucraina: Medvedev è diventato un super falco: "Pena di morte e armi nucleari"

Il vice presidente del Consiglio di Sicurezza russo Dmitrij Medvedev, già presidente e premier della Federazione, ha affermato che "nessuno vuole nessuna guerra, soprattutto un conflitto nucleare che è una minaccia per l'esistenza della civiltà umana in generale. In questo senso hanno ragione quegli analisti che affermano, forse con una punta di cinismo, che la creazione delle armi nucleari ha evitato una enorme quantita' di conflitti nel secolo ventesimo e ventunesimo".

Tuttavia "è ovvio che la minaccia esiste sempre", ha dichiarato Medvedev in una intervista all'agenzia Ria Novosti. "Come ex comandante supremo, sono ben consapevole di questo e tutti sanno che gli obiettivi delle armi nucleari dei paesi Nato insistono nel nostro territorio, come le nostre ogive sono dirette a obiettivi ubicati in Europa e negli Stati Uniti. Ma questa è la vita", ha aggiunto, spiegando che e' necessario tenerne sempre conto e "perseguire una politica responsabile". La Russia, ha aggiunto, potrebbe usare armi nucleari solo in caso di un attacco contro il suo territorio, contro le sue installazioni nucleari o contro i territori dei suoi alleati, poiche' privilegia la via diplomatica. 

Ricordando la crisi dei missili di Cuba del 1962, Medvedev ha sottolineato che ebbe "un effetto istruttivo per tutti: la leadership degli Stati Uniti, la Nato, l'Unione Sovietica e il Patto di Versavia. Allora c'era la Guerra Fredda, ma ora la situazione a mio avviso è peggiore perché in quel frangente i nostri nemici non cercarono di portare la situazione nell'Unione Sovietica a un punto di ebollizione con tal livello di furia". Nel 1962 l'Occidente non impose sanzioni "contro le industrie o l'agricoltura, per non parlare di quelle di tipo personale", ha osservato Medvedev.

"A nessuno venne in mente di imporre sanzioni a Leonid Breznev, Nikolai Podgorni e Alexei Kossighin", che erano rispettivamente il leader del Pcus, il presidente del Soviet Supremo e il presidente del Consiglio dei Ministri dell'Urss. "Compresero naturalmente che non aveva senso, come non ce l'ha adesso, ma almeno avevano il cervello per non farlo. Ora sono tutti in una posizione difficile ma è necessario comunicare, foss'anche solo per evitare conseguenze indesiderabili, incluse quelle tremende come, per esempio, un conflitto tra la Russia e la Nato", ha concluso. 

Guerra Ucraina, col regno del terrore fuga dei russi verso il Baltico e la Turchia

Intanto, come racconta il Corriere della Sera, continua la fuga di massa dei russi dal paese. Pochi giorni fa, il quotidiano turco Hurriyet scriveva che erano almeno 14.000 i cittadini russi atterrati a Istanbul e Ankara. Le autorità armene sostengono che un flusso simile è stato registrato all’aeroporto di Erevaneal varco di frontiera con la Georgia. La Finlandia ha dichiarato di avere accolto oltre ventimila cittadini russi, lo stesso ognuno dei tre Paesi baltici. Non manca poi molto per raggiungere la cifra indicata dal presidente americano. «Ero un uomo felice» racconta Kamran Manafly, ormai ex professore di geografia alla scuola 498 di Mosca, un liceo, emigrato in Lituania

Leggi anche: 

Silvio Berlusconi papà per la sesta volta a 86 anni

"Guerra, Putin non si ferma con Biden: Papa Francesco se ci sei batti un colpo

Ucraina, Mosca tira fuori le mail: figlio di Biden finanziava biolaboratori

Più di un italiano su 3 sta con Putin. Quasi la metà: stop armi a Zelensky

Guerra Ucraina, ambasciata russa in Italia rilancia sondaggi Pagnoncelli-La7

M5s, Conte: "Con voto largo sua mia leadership mi oppongo a spesa su armi"

Tim, il fondo Cvc all'attacco: vuole il 49% di Olivetti, Noovle e Telsy

Crozza: Draghi infervorato dal discorso di Zelensky “amici ucraini se l’Europa non vi fa entrare, usciamo noi”. VIDEO

Iren e CEB, 80 milioni di euro per il teleriscaldamento di Torino

Pasqua Vigneti e Cantine chiude il 2021 con un fatturato di 63 mln di euro

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaguerra ucrainarussiaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

    Inverno pieno

    Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

    IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.