A- A+
Esteri
I russi hanno dormito nella centrale di Chernobyl: radiazioni fuori controllo

Guerra Russia Ucraina, polveri radioattive portate dalla foresta: scene da saccheggio  

La prima cosa che si sente, quando si entra nella stanza, e' il beep del rilevatore di radiazioni. La stanza e' quella in cui i soldati russi vivevano durante l'occupazione della centrale nucleare di Chernobyl, in Ucraina. Qui i livelli di radiazioni sono ora piu' alti del normale. A raccontarlo e' la Cnn, rilanciata dall'Ansa, che ha avuto accesso esclusivo alla centrale per la prima volta da quando e' tornata sotto il controllo degli ucraini. Nella stanza non e' visibile la fonte del materiale radioattivo, ma secondo i funzionari ucraini viene dalle piccole particelle e dalle polvere che i soldati hanno portato dentro l'edificio.

"Sono andati nella Foresta Rossa", l'area intorno a Chernobyl che e' tuttora la zona piu' contaminata del pianeta in seguito al disastro nucleare del 1986, "e hanno portato dentro" la centrale "il materiale attraverso le loro scarpe", spiega il soldato ucraino Ihor Ugolkov. "Nelle altre aree le radiazioni sono sotto controllo, ma qui aumentano perche' loro vivevano qui", aggiunge. I funzionari dell'impianto spiegano all'emittente americana che i livelli nella stanza usata dai soldati russi sono solo leggermente superiori a quelli che l'Associazione nucleare mondiale descrive come radiazioni presenti in natura: un contatto singolo non e' pericoloso, ma l'esposizione mette a rischio la salute.

"Sono andati ovunque, hanno anche portato della polvere radioattiva sui loro corpi" quando se ne sono andati, spiega Ugolkov. In un'area sicura ai margini della foresta la Cnn ha anche trovato un contenitore col pranzo dei soldati con livelli di radiazione 50 volte di quelli naturali. Nelle immagini della Cnn le aree della centrale occupata dai russi appaiono come saccheggiate: a terra abiti, beni personali, scatole e sacchetti. "I soldati russi hanno frugato negli abiti e nelle cose personali degli ucraini come dei cani, in cerca probabilmente di denaro, cose di valore, portatili", afferma il ministro dell'interno ucraino all'emittente Denys Monastyrskyy. "Qui stavano facendo un saccheggio - aggiunge -. Hanno rubato computer e attrezzatura".

Leggi anche: 

" Guerra Russia-Ucraina: la metà degli italiani ha dei forti dubbi sulle stragi

Russia, "Putin assassinato". Ma la notizia la daranno solo tra qualche mese

Gas russo stop, Ue nei guai. Affidarsi a Biden è pericoloso: ecco perché

Russia-Ucraina, "ormai è guerra civile di logoramento, sarà lunga"

Palamara: "Discontinuità a Milano con Viola. Csm, compromesso al ribasso"

Fisco, 16 mln di italiani in arretrato: colpiti dalle tasse troppo alte

Agricole, blitz su Bpm. E Orcel rigioca la carta Mps: M&A ancora possibile

Fisco, Forza Italia non cede: "No ad aumenti di tasse, è un principio sacro"

Corsa Eliseo, Marine Le Pen: posso vincere queste elezioni. VIDEO

Cosmofarma: “Incontri ri-avvicinati”: Health Care a FieraBologna

Maire Tecnimont: Di Amato confermato presidente, Folgierio Ceo

BPER Banca, organizzato un convegno dedicato a PMI e mercato dei capitali

Commenti
    Tags:
    chernobylguerra russia ucrainaterza guerra mondialeucraina





    in evidenza
    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    Politica

    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.