A- A+
Esteri
La Germania ha paura di Putin. Paga il gas in rubli attraverso Gazprombank

Guerra Russia Ucraina, la Germania sempre più sulla difensiva

La guerra in Ucraina continua non solo sul terreno ma anche per via diplomatica. La decisione improvvisa presa da Putin ha scosso l'Unione Europea. Lo Zar con un solo giorno di preavviso ha chiuso i rubinetti del gas a Polonia e Bulgaria e minacciato di fare lo stesso con gli altri Stati che non pagheranno in rubli. Sul fronte Ue le reazioni sono state molto diverse, il ministro degli Esteri italiano Di Maio ha sfidato la Russia: "Noi paghiamo in Euro e il gas ci arriva lo stesso", ma uno dei Paesi chiave dell'Alleanza Nato ha preso un'altra clamorosa decisione, si tratta della Germania. La società energetica tedesca, Uniper, pagherà il gas russo attraverso una banca russa e non più attraverso una banca con sede in Europa. Lo riferisce il quotidiano Rheinische Post. "Il nostro piano è quello di fare i nostri pagamenti in euro su un conto in Russia", ha detto il quotidiano citando un portavoce della società. Anche se la Russia ha richiesto pagamenti in rubli per il suo gas, il sistema di pagamenti che ha proposto prevede l'uso di conti presso Gazprombank, che convertirebbe i pagamenti effettuati in euro o dollari in rubli.

Questo offre un margine di manovra che alcuni paesi potrebbero cercare di usare per continuare a comprare il gas russo senza incappare nel sistema di sanzioni occidentali. Il governo di Kiev, intanto, considera con preoccupazione l'aumento delle attività russe, definite "provocazioni" in Transnistria, la regione filorussa della Moldavia, che potrebbe aprire un nuovo fronte a sud-ovest dell'Ucraina. Come ha detto parlando alla tv ucraina il consigliere del presidente Volodymyr Zelensky, Mykhailo Podoliak, "Abbiamo sempre considerato la Transnistria come un trampolino di lancio da cui potrebbero esserci dei rischi per noi, per le regioni di Odessa e Vinnycja". Secondo Podoliak, l'aumento dell'attività militare in quella regione è una provocazione per l'Ucraina.

Leggi anche: 

La conferenza di Fdi, ecco gli ospiti. Così Meloni si candida a Palazzo Chigi

Centrodestra, la 'road map' di Salvini per l'unità. Esclusivo Affaritaliani

Twitter a Musk? Accelera la guerra tra governi e potenze digitali. E Trump...

Tim, via libera allo “sconto” da Dazn: tempi stretti per il sì definitivo

Morta dopo intervento al seno, "l'estetista suturava le ferite con la colla"

Guerra, Farage: "Perché l'Occidente non dialoga più con Putin? Assurdo"

Francia, lancio di pomodori su Macron alla prima uscita dopo la rielezione.VIDEO

Apre a Milano la “Piazza dei Mestieri” sostenuta da Enel Cuore Onlus

Snam, approvato il bilancio 2021: de Virgiliis nominata Presidente

Astrazeneca, aperta nuova sede a Mind. Ospiterà circa 300 persone

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guerra russia ucrainaterza guerra mondiale





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.