A- A+
Esteri
"Qui è l'inferno, scappate". Tutta la rabbia di Putin si scatena sul Donbass

Guerra Russia Ucraina, attacchi a Est. Iniziata l'offensiva di Mosca

La guerra in Ucraina è entrata ufficialmente nella fase due. Putin ha dato l'ordine di bombardare pesantemente il Donbass. Nella tarda serata di ieri le sirene antiaeree sono suonate in diverse città del Paese. Una pioggia di missili ha colpito diversi obiettivi ed è ancora impossibile stimare un bilancio dei pesanti bombardamenti. "Possiamo ora affermare che le truppe russe hanno cominciato la battaglia per il Donbass, per la quale si preparano da tempo. Una gran parte dell'intero esercito russo è ora dedicata a questa offensiva". Lo ha affermato su Telegram il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. Secondo il sito del giornale The Kyiv Independent le forze ucraine nell'Ucraina orientale hanno respinto 7 attacchi russi. Secondo l'esercito ucraino, il seguente equipaggiamento russo è andato perso: 18 veicoli corazzati da combattimento, dieci carri armati, otto camion, quattro UAV e un caccia SU-30.

Le truppe russe hanno preso la città di Creminna, nell'Ucraina orientale. "Attualmente, il controllo sulla città di Creminna è perso, sono in corso combattimenti di strada. Qui è l'inferno, scappate", ha dichiarato il governatore regionale di Lugansk, Sergiy Gaiday, in una dichiarazione sul suo canale Telegram ufficiale, secondo quanto riportato dal The Guardian. Le autorità locali hanno esortato i residenti nelle regioni di Donetsk e Luhansk a evacuare. "I russi hanno sparato a persone che cercavano di lasciare Creminna", ha aggiunto il governatore, sostenendo che quattro persone erano state uccise mentre cercavano di lasciare la città con i propri veicoli.

Circa mille civili si nascondono nei rifugi sotterranei dell'acciaieria Azovstal, a Mariupol. A renderlo noto è il consiglio comunale di Mariupol. Il sito del giornale the Guardian rende noto che, per quanto riguarda i civili, si tratta per lo più di "donne con bambini e anziani". Funzionari di Mariupol hanno aggiunto che le forze russe hanno continuato a bombardare l'acciaieria, nonostante i civili si siano riparati sotto. Il sindaco di Mariupol ha affermato che circa 40.000 civili della città sono stati "deportati con la forza" in Russia o nelle regioni dell'Ucraina controllate dai russi. Lo rivela il sindaco della città, Vadym Boichenko, parlando alla televisione ucraina, come riportato dalla Bbc. Il primo cittadino ha affermato che i numeri sono stati "verificati attraverso il registro municipale".

Leggi anche: 

" Ucraina, la verità della CIA: non ci sono prove che la Russia usi il nucleare

Borghi (Lega): "Scostamento di bilancio da 20 miliardi entro fine maggio"

Giorgia Meloni leader piace anche a sinistra?

Ascolti tv: Milo Infante vola con Ore 14 e si pensa alla prima serata

Made in Sud, Clementino-Lorella Boccia. "Gli ruberei i tatuaggi.. lo la classe". L'intervista doppia

Mourinho depone fiori sotto il murales di Maradona a Napoli. VIDEO

Acqua Sant’Anna, inserita tra le top 500 aziende

NTT DATA, insieme a Pirelli per la mobilità sostenibile

SEA, 100% business class per il volo La Compagnie diretto a NY

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guerra russia ucrainaterza guerra mondiale





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Mercedes-Benz Vans e ONOMOTION lanciano la e-cargo per l’ultimo miglio

Mercedes-Benz Vans e ONOMOTION lanciano la e-cargo per l’ultimo miglio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.