A- A+
Politica
La sfida Letta-Meloni lascia Draghi a Palazzo Chigi fino al 2028
Matteo Renzi, Mario Draghi e Carlo Calenda

Al centro di Calenda e Renzi basta il 10. E il gioco è fatto


Il 10% è sufficiente. Anzi, è perfetto. Le stime dell'area moderata di centro Azione-Più Europa con Italia Viva e civiche, dopo le elezioni comunali di domenica scorsa, parlano proprio del 10% alle prossime politiche. Non serve altro. Va benissimo così. La doppia cifra appena raggiunta è quanto basta per realizzare il progetto di Calenda e Renzi: Mario Draghi presidente del Consiglio per altri 5 anni fino al 2028. L'esito della tornata elettorale ha mostrato come Pd e Fratelli d'Italia siano egemoni nelle loro rispettive coalizioni, ma senza la forza necessaria e sufficiente per governare.

Con l'attuale legge elettorale o con il proporzionale con sbarramento due blocchi guidati da Enrico Letta e da Giorgia Meloni entrambi intorno al 40% consentiranno al nascente centro - al quale potrebbero aderire pezzi di Forza Italia, l'ex sindaco di Verona Flavio Tosi e il Governatore della Liguria Giovanni Toti - con il loro 10% di non far vincere nessuno (il restante 10%, probabilmente, verrà raccolto dai tanti partiti e movimenti spesso anti-sistema come Italexit e Sinistra Italiana).

Prendiamo ad esempio la Camera che con il taglio dei parlamentari sarà formata da 400 deputati. La coalizione di Letta (con M5S e altri pezzi di Centrosinistra) potrebbe arrivare a 170-180 seggi, esattamente il risultato, numero più numero meno, del Centrodestra a trazione Meloni con dentro la Lega e Forza Italia. A quel punto, con nessun schieramento che ha la maggioranza in Parlamento, il centro - stimato tra 25 e 30 deputati - farà la proposta ufficiale al presidente della Repubblica di restare con Draghi premier a capo di un governo di larghe intese.

Il Pd non potrebbe sottrarsi, così come Forza Italia e una fetta - quella governista - di Lega (Giancarlo Giorgetti-Governatori) e Movimento 5 Stelle (Luigi Di Maio). Un piano già scritto, un puzzle che lentamente deve comporsi e che ha avuto il primo tassello domenica scorsa alle Comunali (ad esempio con l'ottimo risultato della lista Bucci a Genova). Il tutto ovviamente con il via libera entusiasta dell'Unione europea, delle cancellerie, delle banche d'affari (Goldman Sachs in testa), dei mercati (pronti a far volare lo spread più di quanto stia già salendo con i sovranisti o i populisti al governo) e in generale dei cosiddetti poteri forti. Insomma, la contrapposizione Letta-Meloni fa il gioco di chi vuole che Draghi resti a Palazzo Chigi fino al 2028.

Leggi anche: 

Il governo Draghi non ha più senso dopo il voto di domenica

Lega: "Troppi errori. Ora assemblea generale, torniamo a parlare di autonomia"

"Metà elettori M5S non vota candidati Pd. No alla Lega di lotta e di governo"

Elezioni, M5S al 7% e Lega al 12. Terremoto. I dati dopo il voto nei comuni"

"Mercati disorientati dalla strategia Bce: ora serve lo scudo anti-spread"

Emma Summerton firma il Calendario Pirelli: ecco chi è la fotografa

Berlino, la tennista russa soccorre l’avversaria ucraina: fair play virale

Intesa Sanpaolo, a Torino nasce il centro di ricerca in ambito AI

Autogrill e Fondazione Veronesi sostengono la ricerca scientifica

Young Factor: un dialogo tra giovani, economia e finanza

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    centro draghiletta meloni





    in evidenza
    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    Annuncio col giallo

    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    
    in vetrina
    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani

    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani


    motori
    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.