A- A+
Politica
Giorgia Meloni e Enrico Letta: sfida tra leader opposti, ma che si rispettano
Enrico Letta e Giorgia Meloni

Fdi e Pd escono vincitori dalle amministrative: così i loro leader si preparano per le politiche


Devo ammettere che, qualche mese fa, faticavo a capire l'inedita sintonia tra Giorgia Meloni ed Enrico Letta. Un fatto, oltretutto, non episodico, bensì cementato da diversi incontri pubblici: la presentazione del libro di Fabrizio Roncone (settembre 2021), quella del libro di Bruno Vespa (nel novembre successivo) e poi l’invito al segretario Dem, giunto come ospite sul palco di Atreju (a Natale). Non certo un inciucio, per carità, bensì una forma di rispetto reciproco e di legittimazione dell’avversario che di per se’ sarebbe una cosa molto sana e civile, ma che stonava clamorosamente con le contemporanee botte da orbi tra i rispettivi schieramenti, pronti a rinfacciarsi ogni sorta di passato, tanto quello remoto che quello prossimo. Colpi durissimi e non ancora esauriti, come dimostrano le dichiarazioni di ieri di Lia Quartapelle e le reazioni stizzite di tutta Fdi.

Oggi, però, la situazione è radicalmente diversa. Che si sia trattato di una clamorosa botta di fortuna o di una strategia molto lungimirante, la cordialità nei rapporti tra la leader di Fdi e quello del Pd è fondamentale per entrambi, per cavalcare il risultato dell’ultima tornata elettorale e per prepararsi al meglio alla sfida cruciale del 2023, che, oltre alle politiche, comprende quella, per nulla trascurabile, della Regione Lombardia. Come nella tragedia classica, il protagonista per esistere ha bisogno dell’antagonista. Altrimenti, semplicemente, non è.

Fuori i secondi. Sul ring sono rimasti solo i due pesi massimi che, come nella tradizione della nobile arte, sfoggiano il loro fair-play e fanno benissimo a farlo, perché le gazzarre da cortile sono tra le principali cause dell’astensionismo del quale qualcuno si è accorto si è accorto solo la sera del 12 giugno, ma che invece da tempo dovrebbe rappresentare un segnale d’allarme.

Specularmente, Meloni farà valere la sua coerenza nell’essere stata l’unica forza di centrodestra a rifuggire la tentazione della grande ammucchiata, opponendosi al Governo Draghi, mentre Letta rivendicherà il suo ruolo di principale sostenitore della ragion di Stato, più realista del Re e, secondo alcuni detrattori, più filoamericano di Biden.

Se il gong suonasse domattina, i bookmaker darebbero Meloni come favorita. Nessuno dei due può vincere da solo, ma nella costruzione delle coalizioni i problemi più grossi li ha sicuramente Letta. La famosa “alleanza strutturale” con il M5S si fa attendere più di Godot e la caduta libera dei consensi del Movimento rende tutto molto più difficile. Altrettanto insidioso è il rapporto con Renzi e Calenda, che oltretutto dettano condizioni e pretendono di mettere Conte in un angolo, mentre Articolo 1 bussa per rientrare nel Pd e Fratoianni invece si tiene a distanza di sicurezza dal “campo largo”, per non dilapidare il consenso raccolto all’opposizione: per Sinistra Italiana si prospetta un’alleanza coi Verdi che potrà anche far bene, ma che difficilmente cambierà le sorti della sfida.

Sulla carta, il percorso più lineare è quello del centrodestra, che ha in più occasioni ufficializzato la regola che sarà il leader del partito più votato a poter reclamare il ruolo di Premier. Stiamo quindi per accogliere la prima donna alla guida del Consiglio dei ministri? Meloni viaggia col vento in poppa, ma mancando poco meno di un anno alle elezioni politiche non darei davvero nulla per scontato. Che sia l’attuazione del progetto di federazione tra Lega e Forza Italia, più volte evocato per arginare la leadership di Fdi, oppure un accordo col centrosinistra per dare una forte connotazione proporzionale alla legge elettorale, con la prospettiva di un ennesimo pareggio che spianerebbe la strada al Draghi-bis (o a qualcosa che molto gli somiglierebbe), tutto può ancora succedere. Anche per questo motivo, avere instaurato un rapporto di lealtà con la controparte, segnatamente Letta, è per Meloni un elemento molto prezioso: saranno loro a dare le carte e a caratterizzare le differenze tra le proposte politiche, tra le quali gli italiani saranno chiamati a scegliere.

Leggi anche: 

Referendum falliti. Stima finale sull'affluenza alle urne tra il 25 e il 30%

Palermo, ritardo per l'apertura dei seggi: bufera sulla ministra Lamorgese

Sondaggio, italiani ottimisti sul futuro di economia e lavoro

Big Oil, giusto tassare i profitti monstre: l'Economist dà ragione a Draghi

Ucraina, la guerra costa tantissimo. Stangata da 8,1 miliardi a tavola

Un ragazzo di 19 anni chiama il 112: "Venite, ho appena ucciso mio padre"

Milano, Far West in via Bolla. Le Ragioni della violenza e del degrado. VIDEO

Berlusconi racconta un aneddoto del suo passato: "A 12 anni attaccavo i manifesti per la DC". VIDEO

Banca Sella porta le PMI italiane su Alibaba.com

Gruppo TBWA, conclusa edizione 2022 di “Lions of Golf” by Integer

Milano Design Week, illy inaugura la mostra “30 Years of Beauty”

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    enrico lettagiorgia meloni





    in evidenza
    Perrino: "Pierina personaggio ingombrante. Ecco perchè prende corpo un'altra ipotesi di indagine"

    Rai, il direttore di Affaritaliani.it a Ore 14

    Perrino: "Pierina personaggio ingombrante. Ecco perchè prende corpo un'altra ipotesi di indagine"

    
    in vetrina
    Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream

    Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream


    motori
    Alpine A290: la sportiva compatta elettrica debutta a Le Mans 2024

    Alpine A290: la sportiva compatta elettrica debutta a Le Mans 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.