A- A+
Politica
Draghi non salverà Letta, Meloni a Chigi. Il Washington Post "processa" il Pd

Elezioni, troppi errori da parte del Pd e di Letta


Il Washingotn Post gela Enrico Letta e il Centrosinistra. L'autorevole quotidiano statunitense, in un articolo nel quale paragona le elezioni del 25 settembre e in generale la politica italiana alle telenovele sudamericane, afferma che Letta e il Pd, ancora scossi dal tramonto dell'alleanza con il centrista Carlo Calenda, intendono continuare le politiche di Mario Draghi accusando la destra di voler sovvertire quanto fatto da SuperMario e di tradire l'interesse dell'Italia con le elezioni anticipate forzate.

Ma c'è un problema: lo stesso Draghi non ha alcuna intenzione di fare il salvatore in questo dramma. Coloro che sperano ancora che l'uomo che ha salvato l'euro entri nel vivo della campagna per influenzare il risultato è destinato a rimanere deluso. Non lo farà.

Durante tutto il suo mandato - scrive il Washington Post -, Draghi ha chiarito che stava rispondendo a un mandato specifico, che gli era stato affidato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella senza passare dalle elezioni. Gli è stata affidata una missione che consisteva nel guidare il piano italiano di ripresa dalla pandemia nella giusta direzione per ottenere finanziamenti dall'Unione europea in cambio di riforme.

Quello era il lavoro di un manager, non di un politico – e Draghi non ha mostrato alcun interesse per la politica "sporca" necessaria per mantenere il potere a Roma. Considerando le buffonate degli ultimi due mesi, chi può biasimarlo - attacca il quotidiano Usa. E' entrato nella storia salvando l'Euro nel 2012. E ora non vuole che il suo nome venga trascinato nel fango ora. Né lo vuole sfruttato nel gioco elettorale in corso.

Il Pd troverà impossibile fare Draghi senza Draghi. Vantarsi di perseguire l'agenda di Draghi senza la partecipazione del tecnocrate sarà un'offerta politica difficile. Il lavoro di Draghi è finito e i politici lo sanno. Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia e front runner del Centrodestra, potrebbe essere a corto di proposte praticamente su tutto, ma è la voce più forte nella campagna elettorale che urla più libertà e meno Stato. Perché la festa di Letta sia avvincente, deve fare di più che ripetere Draghi, Draghi, Draghi.

Letta ha avuto l'intuito di perseguire un'ampia coalizione dai centristi all'estrema sinistra. Ma il suo cosiddetto campo largo ha richiesto così tanta flessibilità da parte di tutti che ha finito per allungarsi fino al punto di rottura. E in effetti è quello che è successo. Calenda, che ha staccato la spina, ha interrotto l'accordo sostenendo che alcuni membri dell'alleanza erano altrettanto populisti come la destra e avevano persino votato contro il governo Draghi.

Ora il Terzo Polo, un gruppo di centristi che si sono uniti, potrebbe fornire una terza opzione, ma sembra complicato. È anche inefficiente. Più spaccature ci sono tra le forze di centrosinistra, meglio è per Meloni, che esulta dopo l'ultimo dramma. I sondaggi indicano che il Partito Democratico di Letta è testa a testa con FdI. Ma ha una coalizione praticabile, anche se polemica al suo interno. Il Centrosinistra non ha alleanze per battere la coalizione di destra guidato da Meloni. I numeri di Letta semplicemente non tornano.

Tutto ciò può essere divertente, ma l'Italia dopo Draghi non sarà molto divertente. Moody's ha ricordato agli investitori - e a Roma - il costo delle turbolenze politiche quando ha declassato le prospettive del paese a negative dopo la partenza di Draghi. È finito il famoso "Draghi put" - la sua capacità di calmare i mercati - che ha fornito un tetto ai rendimenti italiani per la maggior parte del suo tempo in carica.

Le poche settimane che mancano al voto sono una vita nella politica italiana. E tutto può succedere. Ma ora c'è una maggiore probabilità che un governo di destra detenga le chiavi di Palazzo Chigi, la casa del presidente del Consiglio, in autunno. Letta e il suo Pd non dovrebbero perdere tempo a rincorrere il fantasma di Draghi, conclude il Washington Post.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    letta pd elezioni draghiwashington post elezioni pd





    in evidenza
    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    L'intervista sul Nove

    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    
    in vetrina
    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista


    motori
    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.