A- A+
Politica
Governo, Conte attacca Draghi sul Pnrr e la crisi è sempre più vicina

Governo, torna con forza l'ipotesi di elezioni a settembre/ottobre


Pace nel governo? Crisi scongiurata? SuperMario è tornato e con la sua autorevolezza (?) ha messo a tacere i partiti? Neanche per sogno. Il faticoso compromesso trovatop sul tema delle concessioni balneari (ddl concorrenza) e sulla riforma del catasto (delega fiscale) non deve illudere nessuno: la crisi di governo a giugno e le elezioni politiche anticipate tra settembre e ottobre restano un'ipotesi molto concreta.

La prova arriva la durissima nota di oggi del Movimento 5 Stelle "Con i rincari delle materie prime e dei costi dell'energia i Comuni rischiano di infilarsi in un 'cul de sac' con conseguenze devastanti per le casse comunali. A generare forte apprensione, in particolare, sono le modalità con cui, di fatto, verranno elargite le risorse del PNRR e i costi che si troveranno a dover anticipare i Comuni", si legge in una nota congiunta di Roberta Lombardi, Responsabile del Comitato M5s Enti Locali, dei sindaci 5 Stelle, e dei capigruppo 5s delle Commissioni Bilancio di Camera e Senato, Daniela Torto e Vincenzo Presutto.

"La criticità maggiore è rappresentata dal fatto che arriveranno milioni di euro ma queste risorse saranno spalmate su cinque anni. Per tutti quei progetti che richiederanno tempistiche minori, i Comuni dovranno anticipare le spese. Già questo sarebbe complicato in condizioni normali, ma ora, con i rincari legati all'energia, che stanno mettendo in difficoltà gli enti locali, e gli aumenti sulle materie prime, la cosa diventerebbe devastante. Si rischia di non realizzare alcun progetto. - spiegano i portavoce M5s - Sarebbe quindi opportuno che il Governo istituisca un fondo dedicato ai Comuni che copra, almeno in parte, questi oneri prevedendo impegni di spesa pluriennali garantiti dallo Stato e strumenti, come la Cassa Depositi e Prestiti, per l'anticipazione di somme che non eroda la capacità di indebitamento".

Ecco invece alcune proposte per far fronte ai rincari sulle materie prime: "L'utilizzo di ribassi di gara per adeguarsi al prezziario 2022, la possibilità di ridimensionare i progetti per stralci funzionali e la possibilità di ottenere fondi integrativi su richiesta dell'ente e non delle aziende. Infine sarebbe opportuno una riduzione del Fcde e, nei prossimi bilanci di previsione, ci si possa basare sulla percentuale di riscossione media degli ultimi 5 anni. Tutto questo è emerso da un incontro fra sindaci del Movimento 5 Stelle e nostri portavoce al Parlamento. Il dialogo e il confronto è alla base del modus operandi del Movimento 5 Stelle e sarà fondamentale per essere incisivi in questa situazione. Auspichiamo che il Governo voglia recepire in fretta il grido d'allarme degli enti locali rispondendo con soluzioni efficaci", concludono i portavoce M5S.

Una presa di posizione, quella del Movimento guidato da Giuseppe Conte, molto chiara e forte. Un pressing che torna incessante sul presidente del Consiglio. Ma la vera "bomba" sull'esecutivo, come spiegano ad Affaritaliani.it fonti qualificate di governo, resta il tema del termovalorizzatore di Roma, inserito nel dl aiuti ed energia. Il Pd, che guida la Capitale con Roberto Gualtieri, conferma che l'opera va realizzata senza se e senza ma, ma i pentastellati, tutti, "non la voteranno mai", spiegano le fonti.

Non solo. Conte, d'accordo con i ministri grillini, è pronto allo strappo e se Draghi dovesse mettere la fiducia sul provvedimento che comprende il termovalorizzatore a Roma i parlamentari del M5S usciranno dall'Aula o si asterranno, ma non voteranno a favore. E a quel punto partirà la slavina, con il Pd che non vuole restare al governo da solo con il Centrodestra e la Lega che non vuole restare in maggioranza con due minoranze agguerrite (M5S e Fratelli d'Italia) che hanno vita facile all'opposizione.

E infine l'Ucraina. A giugno, dopo il Consiglio europeo, dovrebbe esserci un nuovo voto sull'invio delle armi a Kiev e anche su questo fronte Conte (e in questo caso anche Salvini) sono pronti allo strappo. Insomma, giugno sarà davvero caldo, caldissimo, bollente e la crisi potrebbe essere solo questione di settimane. Altro che pace ritrovata e SuperMario che mette tutti d'accordo...

Leggi anche: 

Pd agitato verso il voto. Ex renziani falcidiati. Quote candidature. Mappa

A&F, il tracollo del brand: tra l'accusa di razzismo e la picchiata in borsa

L'altra faccia di Gianluca Vacchi: dai soldi (di famiglia) ai video "Mr Enjoy"

Scaroni da Perrino al Festival dell'Economia: da professione manager al Milan

Condé Nast, "profetico" annuncio dell'ad: "Il cartaceo non tira più"

Roma, festa dei giocatori: interrompono la conferenza di Mourinho e... VIDEO

Axpo Italia, firmato accordo PPA con GR Value Development

Solar Ventures, Appendino: "Il fotovoltaico è in grande crescita"

SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    crisi di governoelezioni settembre ottobrem5s pnrr





    in evidenza
    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    Guarda le immagini

    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

    Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.