A- A+
Politica
Meloni premier "fuori dagli schemi": la strategia vincente sulle nomine

Governo Meloni tra lobby, nomine e agenda Draghi: il commento 

Direttore caro, ho letto l'intervista di Luigi Bisignani che ha, sicuramente, rappresentato un riferimento di potere nell'era berlusconiana. È evidente che Giorgia Meloni non ha seguito il cliché che i precedenti governi hanno messo in pratica in passato  ma sul perché dobbiamo ragionare bene. 

LEGGI ANCHE: "Meloni doveva fare subito le nomine. Civil servant arroccati con Pd e Colle"- Polemica sullo Spoil System, l'analisi di Luigi Bisignani 

E si che la Meloni ha vinto le elezioni ma ricordiamoci che ci troviamo in un'Italia costituita da baronati e lobby e che, stante lo scenario politico, la Meloni dovrà starci per qualche annetto, come confermato dalla ricerca spasmodica, da parte degli avversari del premier, di un anti Meloni.

Veniamo, pertanto, alle nomine. Molti, una volta  saliti al potere, avrebbero immediatamente cambiato tutte le carte così da assicurarsi, in caso di caduta del governo, una buona semina e tanti favori da riscuotere. Ma vuoi vedere che la Giorgia ha cambiato strategia?

Vuoi vedere che la sua strategia è dettata anche dal fatto che la destra è stata da sempre snobbata dai manager che servono per fare le nomine? Non si può, poi, non tenere conto del fatto che per far digerire il boccone delle nuove elezioni a Draghi sia stata promessa una "dolce eutanasia".

D'altronde è stato già rilevato che questo governo sta portando a termine molti punti dell'agenda Draghi. Bisogna, inoltre, fare i conti con i mandati in corso che non durerebbero l'intero ciclo rappresentando nomine di breve scadenza. E quindi la domanda è la seguente: meglio un uovo oggi o una gallina domani

Abbiamo già constatato che la politica dell'attuale Presidente del Consiglio è fuori dagli schemi e che ciò ha, finora, premiato. Ovviamente gli alleati  della Meloni stanno scalpitando per "piazzare" le pedine giuste su qualche buona poltrona. Non a caso Bisignani emerge il giorno dopo le elezioni, e oggi, a distanza di qualche tempo dall'insediamento del governo, dopo le festività. Un po' come a dire "vabbè ora possiamo nominare qualcuno, dai". Ma i meloniani non lo vogliono proprio sentire il Grande Lobbista.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
governomeloni





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni

Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni


motori
La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.