A- A+
Home
Ucraina, consulenti del lavoro: “500.000 posti a rischio”

Guerra Russia-Ucraina, a rischio 500.000 posti di lavoro

“Il tessuto economico italiano, se il conflitto non termina in breve tempo, patirà le conseguenze dell'aggressione di Putin con circa 500.000 persone a rischio posti di lavoro”, è la drammatica stima di Susini Group, studio di Firenze leader nella Consulenza del lavoro.

Sandro Susini, consulente del lavoro e fondatore del gruppo fiorentino, dichiara a proposito: “La Guerra in Ucraina avrà sicuramente ripercussioni nel mondo del lavoro. Il blocco dell'approvvigionamento delle materie prime e l'export in Russia produrranno degli effetti negativi nell'economia italiana. Secondo gli ultimi indici di riferimento, il PIL nazionale nel settore industriale sta continuando a calare, -0,3% nel mese di febbraio, e il conflitto fra Russia e Ucraina non potrà altro che accentuare tale trend. Se le ostilità continueranno, il futuro nel mondo del lavoro dovrà fare i conti con aziende in crisi, dipendenti in cassa integrazione e licenziamenti”.

Secondo Susini il rincaro di energia e petrolio e la difficoltà nell’approvvigionamento di mais, grano e componenti tecnologici mettono in difficoltà la produzione di alcuni settori economici come quello metalmeccanico, “ composto da oltre 200 mila imprese e 1,5 milioni di dipendenti (nel settore automotive sono circa 166 mila), quello della moda, formato da tantissime micro e piccole imprese con circa 370 mila addetti, quello agroalimentare, con 1 milione di aziende che impiegano in totale oltre 2 milioni di lavoratori, e quello del trasporto e logistica, che vanta circa  15 mila imprese e 250 mila unità”.

Italia, lavoro: gli effetti della guerra in Ucraina

“Il tessuto economico italiano, se il conflitto non termina in breve tempo, patirà le conseguenze dell'aggressione di Putin con circa 500.000 persone a rischio posti di lavoro. Le aziende dovranno ricorrere agli ammortizzatori sociali per attutire il colpo e, purtroppo, quelle già minate finanziariamente dalla pandemia Covid-19 saranno costrette a chiudere e a licenziare il personale. Si tratta evidentemente di uno scenario drammatico, sia sul piano economico che sociale, in buona parte dovuto a decenni di politiche energetiche improntate alla mera esternalizzazione delle fonti di approvvigionamento, fenomeno che di fatto ha reso il nostro Paese completamente dipendente dall'esterno, in particolare al verificarsi di scenari come quello attuale”.

Susini rinnova il suo appello al Governo Draghi: “In tal senso, come addetti ai lavori, consideriamo imprescindibile una tempestiva risposta da parte del Governo italiano, sia per quanto concerne un ricorso straordinario alla misura dello scostamento di bilancio, che attestiamo intorno ai 50 miliardi di euro, sia per quanto riguarda una radicale semplificazione dei sistemi di accesso all'integrazione salariale”.

“In merito a quest'ultimo aspetto, occorre sottolineare la completa inadeguatezza e ridondanza delle attuali misure di integrazione salariale previste dal nostro ordinamento, spesso frutto di una sedimentazione poco coerente di interventi straordinari che ne hanno di fatto reso alquanto farraginoso l'eventuale ricorso. In sintesi, data la situazione critica potenzialmente incombente, il cambio di passo da parte delle istituzioni del nostro Paese è l'unica opzione rimasta”, conclude Sandro Susini.

 

Leggi anche: 

" Ucraina, Di Liddo (Cesi): “Spiragli diplomatici, ma il rischio atomico è alto"

Sondaggio, effetto guerra sui partiti. Chi è salito e chi è sceso. Tabelle

Polemiche sulla riforma del Catasto: "Il M5S ormai è un stampella del Pd"

"Mercati, oro miglior bene rifugio, ma in azioni. Ecco perché"

Elezioni Corea del Sud, vince il trumpiano Yoon. Kim Jong-un prepara i missili

Guerra Ucraina, Affaritaliani.it su London one radio. VIDEO

Banca Ifis, approvato bilancio 2021: utile netto €100,6 mln (+46,2%)

Arca Fondi, miglior società italiana per la gestione di fondi ESG

Helbiz rinnova la flotta italiana: a Milano 750 nuovi monopattini più sicuri

 

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucraina


    in evidenza
    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    Politica

    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.