A- A+
Esteri
Guerra in Ucraina, l'Ue: "Gas si paga in euro o dollari". Ma c'è chi tentenna
Ursula von der Leyen

Gas, diktat Ue: "Aziende continuino a pagare in euro o dollari"

"Sembra possibile" continuare a comprare gas proveniente dalla Russia senza infrangere le sanzioni imposte dall'Unione europea a Mosca o il diritto Ue anche dopo l'adozione del decreto con il quale il Cremlino ha richiesto il pagamento in rubli per le forniture di gas. Lo ha stabilito la Commissione europea in un documento di orientamenti destinato agli Stati membri nel quale l'esecutivo Ue ha risposto ai principali interrogativi delle aziende e dei governi europei in merito ai nuovi requisiti sui pagamenti del gas imposti da Mosca. "Il decreto - ricorda il documento - introduce una nuova modalità di pagamento, per cui il deposito di euro o dollari sul conto del fornitore non è più considerato come adempimento degli obblighi contrattuali".

"Al contrario - si precisa - euro o dollari ricevuti dalle società dell'Ue devono essere convertiti in rubli ai sensi del decreto". L'adempimento contrattuale, secondo il decreto presidenziale russo n.172 del 31 marzo, si perfeziona "solo dopo che il processo di conversione da euro o dollari è stato completato con successo e il pagamento è stato effettuato in rubli". Un processo "interamente nelle mani delle autorità russe" che consentirebbe a Mosca "anche di coinvolgere la Banca centrale russa in questo processo, attraverso una serie di operazioni legate alla gestione del patrimonio e delle riserve della Banca centrale, vietata ai sensi del sanzioni dell'Ue". 

Ma in realtà in tanti tentennano e pensano a pagare in rubli

Ma in realtà nell'Ue c'è tutt'altro che sentimento di unità. Lo scrive Federico Fubini sul Corriere della Sera. "Sperano che Vladimir Putin non vada fino in fondo sul gas, per non doversi dividere e potenzialmente non dover violare le loro stesse sanzioni. Sperano che il dittatore del Cremlino decida perloro, nel senso che essi trovano più conveniente. Gli europei — governi, Commissione, imprese dell’energia — faticano sempre di più a mascherare la loro indecisione mentre la scadenza fissata da Mosca si avvicina". 

Come scrive sempre il Corriere, per esempio "il colosso tedesco Eon non concorda con Bruxelles:ritiene di poter continuareacomprare gas russo legalmente anche attenendosi al decreto di Putin. Così il dittatore avrebbe dimostrato, con un tratto di penna, che gli europei sono divisi e pronti a ignorare le loro stesse sanzioni quando non le trovino convenienti". 

Leggi anche: 

Il Pd conferma l'alleanza con i 5S. E rilancia: tornare al proporzionale
Centrodestra, "Nordio premier. Meloni agli Esteri, Salvini all'Interno, io.."
Francia, Macron vince il duello, vola verso il bis. Ha travolto l’avversaria
Ucraina: Putin annulla ordine assalto acciaieria Azovstal di Mariupol
Sostegno finanziario Ue a Zelensky. Fondo per la ricostruzione dell'Ucraina
Shanghai, il lockdown ferma il porto: rischio disastro commerciale mondiale
Il Papa riceve Orban per la prima volta, sullo sfondo la guerra. VIDEO
Emergenza Ucraina, stanziati € 500mila da Banca Mediolanum
Gridspertise-Hera, al via intesa per le smart grid del futuro
Aeroporti di Roma, nasce Patto per la decarbonizzazione del trasporto aereo
Commenti
    Tags:
    crisi ucrainagasguerra ucrainaterza guerra mondiale





    in evidenza
    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    La coppia più famosa del giornalismo

    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.