A- A+
Esteri
Russia, Putin sulle orme di Stalin. "Arresta bambini. Siamo la Corea del Nord"

Russia, "Il mio Paese è finito.  I 18enni: patriottismo è uccidere civili"

Putin non ha nessuna intenzione di fermarsi, continuerà a bombardare l'Ucraina finchè non avrà vinto la guerra. Il tredicesimo giorno di distruzione segue il copione dei precedenti, si tenta di aprire corridoi umanitari da una parte e si lanciano missili dall'altra. L'ultima città ad essere entrata nel mirino dei militari russi è Odessa, uno snodo strategico che permette di avere il controllo da Sud del Paese. Ma oltre alla guerra sul campo c'è un'altra battaglia che si sta combattendo in Russia, più silenziosa ma - si legge sulla Stampa - comunque pesante. La racconta una scrittrice Julia Kissina, che ha vissuto sia a Kiev che a Mosca e che poi è fuggita lontano da quei luoghi. "Chiamo in Russia e questo è quello che mi dicono: «Basta, la Russia è finita! Siamo di nuovo nell’epoca di Stalin. Arrestano la gente che manifesta per la pace, mettono in carcere degli adolescenti. Le loro famiglie non sanno cosa stia succedendo loro. I social media sono stati chiusi. La Russia è stata chiusa. È la cortina di ferro, la Corea del Nord!"

"All’epoca - prosegue il racconto alla Stampa di Julia Kissina - la Russia era un Paese enorme con uno zar proveniente dal Kgb e con una coscienza clericale e mistica, aveva preso una direzione tutta sua. Pare che molti in Russia abbiano elevato Putin a divinità. Nelle chiese campeggiano icone con la sua immagine a cui si rivolgono fedeli dalla mentalità medievale. E questo è ciò che sta accadendo ora: giovani reclute, ragazzi di 18 anni provenienti dalle città grandi e piccole di questo vasto Paese vengono messi in scatole di ferro su ruote e portati in un altro Paese a uccidere civili, mentre sono convinti di liberare l’Ucraina dal nazismo".

Leggi anche: 

L'amante di Putin, Alina Kabaeva, lascia la Russia e scappa in Svizzera - FOTO

Ucraina: per fermare Putin, conta più il brand activism della politica

"Salvini dai profughi? E’ in difficoltà, ora coerenza e sì allo Ius scholae"

Festa della donna e 8 marzo, nelle zone di guerra non c'è niente da celebrare

Comscore Top 100 Brand Informazione Online: boom di Affari Italiani col +27%

Quando Zelensky faceva il ballerino "fluido"

Nice, Jean-Philippe Demaël nominato nuovo Chairman del Cda

Banca Generali, a febbraio la raccolta netta totale a €496 mln

Fondazione FS Italiane: saranno riattivate le linee storiche ad uso turistico

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guerra russia ucrainaterza guerra mondiale





in evidenza
Ferragnez e l'incontro finito malissimo a Milano: Fedez furioso per l'intervista di Chiara

Il retroscena

Ferragnez e l'incontro finito malissimo a Milano: Fedez furioso per l'intervista di Chiara


in vetrina
Federica Masolin non lascia del tutto, Vicky Piria new entry: la rivoluzione di Sky F1

Federica Masolin non lascia del tutto, Vicky Piria new entry: la rivoluzione di Sky F1


motori
Le iconiche Lamborghini al Concorso d'Eleganza "The I.C.E di St.Moritz

Le iconiche Lamborghini al Concorso d'Eleganza "The I.C.E di St.Moritz

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.