A- A+
Medicina
Malattie cardiache, picco nei prossimi anni per le visite sospese in pandemia
Tachicardia 

Malattie cardiache e morti per disturbi cardiologici, in crescita per la sospensione dei servizi durante la pandemia

Malattie cardiache e morti correlate sono e saranno in futuro in aumento a causa della sospensione ei servizi ospedalieri e delle visite per la pandemia. Il danno collaterale globale sembra destinato ad avere un lungo strascico negli anni a venire, o almeno è quanto emerge dallo studio realizzato dall'Università di Leeds, pubblicato sullo European Heart Journal, che ha registrato come a fronte di una riduzione dei ricoveri ospedalieri di malati di cuore sia aumentato il numero di morti per disturbi cardiaci, molti dei quail deceduti in casa.

Nei due anni trascorsi da dicembre 2019, quando i sistemi sanitari di tutto il mondo erano sottoposti a pressioni estreme e le persone temevano di contrarre il Covid-19, le persone che hanno vissuto un evento cardiaco acuto, come un infarto o una insufficienza cardiaca, non sempre sono potute essere ricoverate in ospedale.

Nei casi in cui le persone hanno ricevuto assistenza medica c’era, in media, più di un’ora di ritardo nel raggiungere l’ospedale o avere contatti con i paramedici. Le possibilità che le persone sopravvivano a un grave infarto dipendono da un trattamento tempestivo e appropriato.

Malattie cardiache e morti, nei prossimi anni i danni causati dalle complicazioni per i ritardi nelle cure

Il campione analizato ha compreso 48 Paesi in sei continenti per un periodo di due anni a partire da dicembre 2019: 189 documenti. “Le malattie cardiache sono il killer numero uno nella maggior parte dei Paesi e l’analisi mostra che durante la pandemia le persone in tutto il mondo, le persone non hanno ricevuto le cure cardiache che avrebbero dovuto ricevere”, ha affermato Ramesh Nadarajah, ricercatore clinico della British Heart Foundation presso l’Università di Leeds e autore principale dell’articolo.

“Ciò avrà delle ramificazioni. Più a lungo le persone aspettano il trattamento per un infarto, maggiore è il danno al muscolo cardiaco, causando complicazioni che possono essere fatali o causare malattie croniche. I sistemi sanitari devono rafforzare i sistemi per aiutare a sostenere e curare le persone le cui condizioni cardiache saranno inevitabilmente peggiori a causa della pandemia. Il documento ne fornisce una prova”.

 

Leggi anche: 

Rai, Fuortes fa fuori Orfeo per tenersi la poltrona, un patto col Centrodestra

Roland Garros, Trevisan in semifinale: dopo l'anoressia arriva la rivincita

RedBird si prende il Milan, è ufficiale: confermato lo scoop di Affari

De Angelis-Castellitto: è amore, la nuova coppia mano nella mano per Roma

Giulio Berruti "inibito" sui social: commenti soft dopo il film spinto

Stefano Pioli e la moglie Barbara, tocco magico anche dopo tanti anni insieme

Gratteri: "Morire in un attentato? Non saprei vivere da codardo". VIDEO

SEA, inaugurata la mostra "Milano, appunti visivi" a Malpensa

RFI: aggiudicata la gara da 2,7 mld per tecnologia ERTMS in Italia

Banca Mediolanum: inaugurato il nuovo Family Banker Office

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    malattie cardiachemortiospedalipandemia




    in evidenza
    Affari in rete

    MediaTech

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

    Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.