A- A+
Politica
Draghi-Mattarella, tensione sulla data del voto. Il premier vuole "fuggire"...
Mario Draghi e Sergio Mattarella (Lapresse)

Draghi-Mattarella, tensione sulla data del voto. Tutto passa dall'anticipo della Legge di Bilancio 2023 a quest'estate


Tanto celato quanto clamoroso. Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, è in atto un inedito braccio di ferro tra il Quirinale e Palazzo Chigi sulla conclusione della legislatura e sulla data delle prossime elezioni politiche. Tutto parte dall'indiscrezione che il presidente del Consiglio - come confermano diverse fonti della maggioranza - avrebbe dato mandato al ministero dell'Economia e delle Finanze di anticipare la Legge di Bilancio per il 2023.

In sostanza, Mario Draghi pare non intenda più fare decreti per i vari aiuti legati alle conseguenze della guerra in Ucraina, ma concentrare tutto nella manovra (riforma delle pensioni escluse) da scrivere al Mef entro giugno e da approvare in Parlamento prima della pausa estiva prevista attorno all'8-10 agosto. Ufficialmente, spiegano dalla maggioranza, il motivo è contabile, una sorta di "gioco" sui saldi per poter avere più fondi a disposizione per sostenere famiglie e imprese soprattutto vista l'emergenza caro-energia.

Il retropensiero, però, è che il premier sia stanco, sempre più stanco, della sua maggioranza litigiosa (ultimo esempio le polemiche del M5S sul mancato intervento in Aula prima di partire per gli Stati Uniti e prima la rivolta del Centrodestra sulla riforma del catasto) e con la Legge di Bilancio già fatta in estate potrebbe tranquillamente lasciare a settembre - garantendo così la pensione anche ai parlamentari di prima nomina - per poi andare alle urne nella seconda metà di ottobre. Peccato che, sempre secondo quanto riferito da fonti della maggioranza, il Capo dello Stato Sergio Mattarella non sia affatto d'accordo.

Non solo non vuole che Draghi lasci prima del tempo, ma, vista la situazione internazionale, la coda del Covid e le difficoltà economiche, con l'inflazione che si farà sentire soprattutto verso fine e l'aumento dei tassi da parte della Bce, Mattarella vorrebbe che le prossime elezioni politiche si tengano alla fine di maggio del prossimo anno anziché tra fine febbraio e i primi di marzo del 2023. In pratica, allungando al massimo, ovviamente nei limiti di quanto consentito dalla Costituzione, la permanenza di Draghi a Palazzo Chigi. Per ora siamo all'inizio dell'iter, ma piano piano potrebbero porsi le basi per una stagione di tensioni tra Quirinale e Palazzo Chigi. Tensioni, come detto, inedite e per certi versi clamorose.

Leggi anche: 

Draghi si è giocato la guida della Nato. La linea pacifista delude Biden

Usa-Italia, quello scambio Biden-Draghi. Il non detto da nessuno sull'incontro

Governo Draghi, macché bacchetta magica: in arrivo una sequela di scioperi

Conte detta la linea (pacifista) a Draghi, Letta, Di Maio e Centrodestra

Premio Campione: i City Angels consegnano gli Oscar della bontà

Tiziano Treu ad Affari: “Eravamo in ripresa, ora è tutto in bilico”

Non si trova personale, restano chiusi hotel e ristoranti a Jesolo. VIDEO

Cybertech Europe 2022, Digital Platforms sostiene l'iniziativa

Bayer: in primo trimestre utile netto +57,5% vendite +14,3%

FS Italiane con l’Arma dei Carabinieri per legalità e sicurezza sul lavoro

Commenti
    Tags:
    anticipo manovra 2023data elezioni politichedraghi mattarella tensioniquirinale palazzo chigi





    in evidenza
    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    Guarda le immagini

    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

    Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.